• Programmatic
  • Engage conference

26/05/2020

AtomikAd: consolidamento dei ricavi e nuovi investimenti tecnologici

La società guidata dal Managing Director Giulio Giovine registra un giro d'affari di oltre 2,5 milioni e affronta l’emergenza Covid-19 rilasciando un White Paper per affrontare la ripartenza nel migliore dei modi. Marco Baccarini entra come Head of Business Development

Marco Baccarini

Marco Baccarini

AtomikAd chiude i primi tre anni di attività confermando la sua posizione di leadership nel mondo dell’In-mage Advertising ed evolve da startup a player di riferimento in ambito digital con un giro d’affari di oltre 2,5 milioni di euro nel 2019, come conferma il bilancio appena approvato. I primi mesi di quest’anno, segnala la società, hanno visto AtomikAd confermare il suo percorso con una buona partenza che è però stata poi chiaramente influenzata dalle difficoltà di mercato legate all’emergenza Covid-19 Un’emergenza che la società ha però deciso di affrontare continuando a puntare sulla qualità dei publisher con cui collabora e sull’efficacia delle soluzioni offerte ai suoi clienti in ambito advertising valorizzando rispettivamente la brand safety e l’engagement rate delle campagne dei brand con cui collabora. La contestualizzazione dei formati pubblicitari è così risultata ancor più premiante, in termini di efficacia, durante questi mesi segnati da una crescita esponenziale del traffico internet. Queste conferme arrivano grazie al fatto che AtomikAd ha continuato ad investire costantemente nello sviluppo delle più innovative soluzioni rilasciate in ambito advertising basate su software proprietari elaborati in collaborazione con istituti di ricerca specializzati e partner tecnologici. AtomikAD, infatti, grazie al rilascio delle nuove capabilities di Nukleo, algoritmo proprietario di Video Object Detection, ha sviluppato nel corso di questi mesi diverse campagne pubblicitarie sfruttando le nuove features, rilasciate in ambito video, offrendo ai suoi clienti soluzioni ad alto impatto favorendo così una forte relazione con l’utente attraverso una user experience stimolante e non invasiva. AtomikAD cresce dunque grazie alle tecnologie proprietarie Proton e Nukleo, investimenti che hanno permesso alla società di lavorare sempre più a contatto con alcuni settori, come ad esempio il food e il beverage. E cresce anche anche grazie alle partnership strette nel recente passato con L'Università de La Sapienza, l’Associazione italiana AI e lo IULM per le attività di neuro marketing.

Il White Paper per la ripartenza

Ora AtomikAd ha deciso di essere protagonista della fase di ripartenza pubblicando anche un White Paper destinato a tutti gli interlocutori del mercato media e non solo. Il White Paper, ricco di dati, infografiche, case history, interviste ed analisi di scenario, si propone di fornire una chiave di lettura per interpretare quello che è successo durante l’emergenza Covid-19 ed individuare l’approccio e la strategia vincente per affrontare i prossimi mesi di ripartenza. L’obiettivo del documento è quello di evidenziare gli impatti su alcune delle principali industry di settore cercando di approfondire insieme ad alcuni professionisti come questi cambiamenti, imposti dalla diffusione del virus, possano anche rivelarsi un’opportunità per il mondo digitale. Risulta ancora una volta centrale il rapporto di simbiosi tra capitale umano e tecnologia. Gli umani vengono aiutati dai suggerimenti della macchina mentre quest’ultima apprende dalle correzioni degli umani creando maggiore valore ed efficienza a beneficio di tutti, assioma fondante della strategia di AtomikAd, realtà che da sempre investe nell’AI su cui infatti si basano tutti i suoi algoritmi proprietari di machine learning. In questo contesto assume ancor più rilevanza la contestualizzazione delle campagne pubblicitarie in ambito digitale rispetto ai valori dei brand come dimostrano i dati raccolti da IAS, leader nella digital ad verification. Secondo lo studio, l’85% degli utenti ha cambiato la tipologia di contenuti consumati online senza aver però modificato il suo sentiment nei confronti dei brand che hanno comunicato vicino a news legate al coronavirus (lo dichiara in questo caso il 63% degli utenti intervistati).

I KPI di AtomikAd

A conferma di questi trend arrivano anche i KPI positivi ottenuti da AtomikAd. La società ha registrato una crescita del 55% del traffico ad aprile nei confronti di febbraio e un incremento del 35% del Traffico Brand Safe, oltre migliorare gli insight qualitativi delle campagne gestite. È infatti triplicata l’interazione con articoli con immagini e video rispetto al periodo pre-Covid-19 come testimoniano le crescite a doppia cifra delle metriche di Time in View e Click through Rate. Risulta inoltre ancora una volta premiata dagli utenti l’efficacia data alla coerenza della pubblicità rispetto ai contenuti a cui è associata, come dichiara l’83% degli utenti esposti alle campagne di Atomikad nei mesi di piena emergenza.

L’ingresso di Marco Baccarini

La fase di crescita per AtomikAd è caratterizzata anche dall’ingresso di Marco Baccarini, Head of Business Development, grazie al quale la società consolida ulteriormente il suo team di lavoro con figure professionali ampiamente specializzate in ambito digital. Baccarini, infatti, arriva in AtomikAd dopo un’esperienza decennale in diversi centri media dove ha ricoperto molteplici ruoli strategici al servizio dei clienti. Marco Baccarini «Sono molto contento di entrare a far parte del team di AtomikAd e sono pronto a capitalizzare le esperienze maturate nelle agenzie media al fianco di molti brand», afferma Marco Baccarini. «Sviluppo prodotto, tecnologia e analisi saranno sempre più al centro della nostra strategia, quali gli strumenti imprescindibili per dare valore aggiunto ai brand inserzionisti». «Le skills di Marco andranno ad arricchire ulteriormente le competenze del nostro team con l’obiettivo di sviluppare il business rafforzando, in questo modo, la nostra capacità di cogliere le migliori opportunità e tradurle in soluzioni che possano arricchire il portafoglio di prodotti già esistente per i nostri clienti», commenta Giulio Giovine, Managing Director di AtomikAd. «Tutte queste novità ci portano ad essere ottimisti anche in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo in quanto crediamo fermamente che il nostro continuo impegno nello sviluppo tecnologico abbinato all'aumento del know how, come si evidenzia anche dal White Paper che abbiamo realizzato, ci consentiranno di essere sempre più dei punti di riferimento per i brand per sviluppare campagne pubblicitarie efficaci erogate in contesti safe».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI