• Programmatic
  • Engage conference

20/06/2019
di Cosimo Vestito

Acanto cresce del 17% nei sei mesi e punta a un fatturato 2019 di 2 milioni

L'agenzia pesarese fondata e guidata da Carlo Beccatti e Carlo Piazzesi, attualmente impegnata in due importanti gare, cresce grazie a video e digitale

Da sinistra: Carlo Beccatti e Carlo Piazzesi

Da sinistra: Carlo Beccatti e Carlo Piazzesi

Acanto Comunicazione cresce del 17% nel primo semestre e punta per quest’anno a un fatturato di 2 milioni di euro. Il 2018 dell’agenzia pesarese fondata e guidata da Carlo Beccatti e Carlo Piazzesi era stato archiviato con ricavi pari a 1,7 milioni di euro. A trainare in particolar modo le entrate sono le attività svolte nell’ambito della produzione video; parallelamente, il comparto digitale ha acquisito una rilevanza sempre maggiore fino a rappresentare il 50% degli introiti. Lo hanno fatto sapere gli stessi vertici della struttura a margine dell’evento Base30, incontro organizzato da Acanto presso la sua sede per festeggiare i suoi trent’anni. Tra la fine del 2018 e la prima metà di quest’anno l’agenzia ha acquisito circa dieci nuovi clienti, tra cui svettano Atlas Plan e Atlas Concorde, insegne produttrici di ceramiche di design, ed è attualmente impegnata in due gare creative indette da altrettanti importanti aziende appartenenti al settore nautico e alberghiero. Acanto, che impiega attualmente circa 45 persone, è presente anche a Milano da gennaio mentre è già operativa da alcuni anni la sede di Dubai. Proprio da qui, grazie ai nuovi incarichi che la struttura conta di ottenere in occasione dell’Expo 2020, proverrà una spinta significativa per la crescita futura. Al fine di presidiare opportunamente il territorio, l’agenzia ha infatti avviato una collaborazione con un operatore locale e con le principali istituzioni italiane, come il Consolato e l’Istituto Nazionale per il Commercio Estero.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI