• Programmatic
  • Engage conference

27/02/2019
di Alessandra La Rosa

Verizon Media lancia il nuovo SDK Verizon Ads per la monetizzazione delle app

Disponibile per Android e iOS, la soluzione è integrata con lo IAB Tech Lab Open Measurement SDK, per garantire la misurazione della viewability da parte di società terze

Verizon Media ha annunciato il lancio del nuovo SDK Verizon Ads, che andrà a sostituisce le piattaforme Flurry Monetization e ONE Mobile per la monetizzazione delle app. Il nuovo Software Development Kit riunisce i migliori asset di monetizzazione di AOL e Yahoo in una soluzione singola e modulabile, fornendo inoltre accesso alle soluzioni mobile disponibili su Oath Ad Platforms. "L'editoria e la tecnologia mobile si sono evolute in modo significativo nell'ultimo decennio, nonostante ciò gli SDK, una componente fondamentale per la monetizzazione in ambito mobile, sono rimasti sostanzialmente gli stessi - spiega la società -. Gli sviluppatori quindi sono spesso costretti a trovare dei compromessi tra monetizzazione e user experience a causa di diversi fattori, tra cui: le dimensioni dell'SDK, i costi di integrazione e i formati pubblicitari supportati. Con il lancio di Verizon Ads SDK, sviluppatori e publisher avranno a disposizione nuovi strumenti che permetteranno loro di massimizzare le revenue e offrire una user experience positiva, senza dover scegliere tra l’una o l’altra". La soluzione è integrata con lo IAB Tech Lab Open Measurement SDK, per consentire a fornitori terzi di poter facilmente misurare la viewability pubblicitaria: agli sviluppatori basterà integrare un singolo SDK per dare agli inserzionisti la possibilità di effettuare misurazioni sulle inventory in-app con i loro fornitori di fiducia. La soluzione è stata disegnata per supportare i bisogni degli sviluppatori rispetto alle dimensioni e all'estensibilità del SDK: possiede infatti un'architettura che permette agli sviluppatori di estendere le funzionalità nel tempo ed incorporare nuovi posizionamenti con il minimo sforzo. Per nuove opportunità di monetizzazione, dunque, non sarà più necessario un intero nuovo SDK ma solo un piccolo plug-in. Il SDK, disponibile per Android e iOS, sarà inoltre customizzabile sugli specifici bisogni di monetizzazione della singola app.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI