• Programmatic
  • Engage conference

08/11/2018
di Alessandra La Rosa

Rubicon Project: il Q3 2018 supera le aspettative, trainato da audio, video e mobile

Il fatturato cresce del 4% sui tre mesi precedenti e raggiunge i 29,7 milioni di dollari. La società si aspetta di registrare nel Q4 un +20% anno su anno

Trimestrale sopra le aspettative per Rubicon Project. La società di ad tech ha pubblicato i suoi dati finanziari relativi al terzo trimestre 2018, rivelando un trend del giro d'affari ancora in calo anno su anno (-15%) ma in crescita del 4% sui tre mesi precedenti, a quota 29,7 milioni di dollari. Anche la spesa pubblicitaria è aumentata in un anno: +24%, trainata soprattutto dal programmatic video e dalla pubblicità audio. Bene anche la spesa mobile, in aumento anno su anno del 45% e giunta a rappresentare il 55% del totale investimenti gestiti; quella desktop è cresciuta nell'anno del 6%. Risultati che fanno ben sperare per il prossimo trimestre. La società si aspetta di registrare una crescita dei ricavi nel Q4 2018 del 20% anno su anno, e un aumento della spesa adv - nello stesso periodo - di circa il 20%. Il cosiddetto "take rate", una metrica di performance calcolata dividendo il fatturato per la spesa pubblicitaria, è cresciuto fino a raggiungere il 12,3% nel terzo trimestre, e si stima possa arrivare al 13% nel quarto trimestre. «Siamo felici di comunicare un'accelerazione dell'aumento della spesa pubblicitaria in questo trimestre, e ci aspettiamo una crescita del fatturato anno su anno di oltre il 20% nel Q4. Video, audio e mobile, collegati a una crescita del desktop, ci stanno aiutando ad iniziare a generare un aumento complessivo della quota di mercato - commenta il Presidente e CEO di Rubicon Project Michael G. Barrett -. Il nostro robusto focus sulla trasparenza e la qualità dell'inventory, insieme a una forte proposizione come exchange indipendente diversificato e di punta, ci mette nella posizione per una crescita continuativa e per migliori performance finanziarie con le leve positive che abbiamo nel nostro business».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI