• Programmatic
  • Engage conference

17/12/2018
di Alessandra La Rosa

Pubblicità in-app, Google arricchisce AdMob di partner e funzionalità

Nel programma di monetizzazione Open Bidding arrivano Facebook Audience Network, Rubicon Project e AppLovin. Ma ci sono anche altre novità

Un'immagine del nuovo tool di reportistica

Un'immagine del nuovo tool di reportistica

Google annuncia novità per AdMob, la sua piattaforma dedicata alla pubblicità in-app. Le novità coinvolgono in particolare Open Bidding, il modello di monetizzazione lanciato qualche mese fa in beta in cui tutti gli acquirenti di uno spazio adv competono simultaneamente nella stessa asta unificata. A questo programma si aggiungono adesso otto nuovi partner pubblicitari per l'acquisto pubblicitario su mobile: oltre agli attuali OpenX, Index Exchange, Smaato, Tapjoy e AdColony, arrivano anche Facebook Audience Network, Rubicon Project e AppLovin. Google, inoltre, sta continuando ad arricchire Open Bidding con nuove funzioni, sulla base dei feedback dei partecipanti al beta test. Tra queste, il supporto per i formati interstitial, rewarded e banner (già disponibili) e per quelli native, che verrà aggiunto a breve, e la possibilità per gli sviluppatori, dall'inizio del prossimo anno, di ottenere una reportistica dell'asta che consenta di capire come stanno performando i vari partner pubblicitari. google-admob-open-bidding-new-ads-partners.max-1000x1000 Tra le altre novità, una Mediation Test Suite (anche questa in beta), per testare se l'app è impostata correttamente per mostrare gli annunci, e la possibilità di "scaldare i motori" degli SDK adapter, per assicurare che tutti gli adapter siano pronti quando viene chiamato il primo annuncio.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI