• Programmatic
  • Engage conference

20/05/2019
di Rosa Guerrieri

Programmatic mobile: un mercato che cresce, tra video, header bidding e PMP

Secondo il Quarterly Mobile Index di PubMatic, basato sulle transazioni sulla SSP, la spesa pubblicitaria su smartphone e tablet è aumentata del 29%

PubMatic-Q1-2019-QMI-Key-Trend-1-1-Mobile-Platform-Spend-1024x664.png

L'header bidding in-app non è ancora definitivamente decollato. E' quanto rileva la nuova edizione del Quarterly Mobile Index di PubMatic, relativa al Q1 2019, in cui la SSP ha analizzato oltre 13 migliaia di miliardi di aste passate dalla sua piattaforma. Secondo i dati dello studio, la spesa pubblicitaria mobile nel trimestre ha proseguito la sua crescita, registrando un +29%, grazie soprattutto al video. Ed ha ancora un forte potenziale per il futuro, complici le possibilità che la diffusione del 5G potrà offrire in termini di contenuti più ricchi e interattivi e dunque anche di una migliore esperienza pubblicitaria video. PubMatic-Q1-2019-QMI Quanto all'header bidding, l'altro grande trend del mobile, stando alle evidenze della ricerca la sua applicazione nel mondo in-app non ha ancora raggiunto alti livelli. Molti editori lo utilizzano ora per la prima volta, ma altri che lo hanno già adottato da quelche tempo stanno cominciando a coglierne i primi, positivi frutti. Questo, secondo PubMatic, porterà la tecnologia ad avere un buon potenziale di crescita in futuro, man mano che la sua diffusione si espanderà. Lo studio ha anche rilevato un aumento delle transazioni condotte tramite private marketplace, dovuto in gran parte alla necessità delle aziende di avere un maggior controllo e sicurezza sui propri acquisti pubblicitari, in un settore - quello della pubblicità digitale - dove il trend delle frodi continua ad essere diffuso. Nel mondo in-app, i PMP sono cresciuti nel primo trimestre del 51% anno su anno. PubMatic-Q1-2019-QMI

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI