• Programmatic
  • Engage conference

05/05/2020
di Cosimo Vestito

OneTag lancia nuovi algoritmi di audience targeting e analisi semantica

La società tecnologica co-fondata da Gianmario Ricciarelli e Daniel Pirchio sviluppa strumenti alternativi ai cookie di terze parti e intanto amplia l'offerta al canale app

Crescita, espansione e accordi, sono queste le tre parole che guidano le strategie di OneTag in questi mesi, che continua nel suo percorso di affermazione sul mercato nazionale e internazionale del programmatic advertsing. I numeri dell'operatore tecnologico indicano oltre 150 miliardi di impression (numero in costante aumento) a livello globale, suddivise in 45% in Europa, 23% in Nord America, 19% nella regione Latam e il restante 13% nel resto del mondo. L'espansione si registra soprattutto negli Stati Uniti e in Brasile che, a oggi, conferma essere il terzo mercato. Positivo anche l’andamento dei suoi principali indicatori, che si assestano allo 0,25% come global CTR, al 72% alla voce global VTR e al 68% della viewability. Sul fronte editori e agenzie, crescono le partnership a livello mondiale, e non si arrestano, nel frattempo, le attività di ricerca e sviluppo, localizzate in Italia. Inoltre, nonostante Google abbia sospeso temporaneamente le modifiche ai cookie a causa dell’emergenza sanitaria internazionale, si legge nella nota, OneTag si è già preparata alle novità che, a breve, riguarderanno la gestione dei cookie di terze parti individuando soluzioni in linea con quanto Big G sta prospettando nel suo nuovo percorso Privacy Sandbox. Come alternativa ai cookie di terze parti, la società sta mettendo a punto nuovi algoritmi di audience targeting, ma anche nuovi formati pubblicitari performance-based che prescindono dai cookie di terze parti, grazie a nuovi modelli che interpolano analisi semantica e comportamentale. In questo contesto inserisce l’integrazione di Anchorage, un sofisticato motore di analisi semantica latente che consente di conoscere il contenuto di ogni singola pagina online. Basato su concetti e non più keyword, Anchorage permette di selezionare, secondo le preferenze di targeting, le pagine su cui mostrare un annuncio pubblicitario pertinente. «Siamo costantemente alla ricerca di soluzioni e servizi che possano aiutare agenzie, aziende e publisher a migliorare la gestione delle campagne pubblicitarie digitali – sottolineano Gianmario Ricciarelli e Daniel Pirchio, co-fondatori di OneTag – Le nuove misure contro i cookie di terze parti spalancano incognite che possono spaventare gli investitori, ed il nostro ruolo di player tecnologici è fornire strumenti innovativi che possano aiutare a migliorare le performance, contenere i budget e, soprattutto, tenere sotto controllo il ritorno sull’investimento. Nel suo processo evolutivo, la società guarda al ruolo centrale dell’innovazione e al rafforzamento delle proprie soluzioni e dell’inventory di qualità come punti di forza per accrescere l’efficacia e l’efficienza di una campagna pubblicitaria. È in questo contesto che tra le novità lanciate in questi ultimi mesi c’è anche il nuovo canale app, che amplia l’offerta di media buying di OneTag».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI