• Programmatic
  • Engage conference

31/05/2019
di Alessandra La Rosa

In Germania quattro editori uniscono le forze contro i big di Internet

La loro alleanza li porterà a vendere sul mercato insieme le loro inventory pubblicitarie, un bacino da 50 milioni di utenti unici al mese

tv-programmatic.jpg

Oggi nella nostra rassegna parliamo di pubblicità su TV avanzate e di due iniziative sul fronte publisher.

In Germania quattro editori uniscono le forze contro i big di Internet

In Germania, quattro grandi editori hanno unito le forze per combattere la forza (e i numeri) delle grandi piattaforme media. Si tratta di Axel Springer, Media Impact (concessionaria di Funke Mediengruppe), RTL Group e Gruner+Jahr: la loro alleanza le porterà a vendere sul mercato insieme le loro inventory, un bacino da 50 milioni di utenti unici al mese, addirittura superiore a quello di Facebook nel mercato tedesco. Leggi di più su Digiday.

IAB realizza una guida sul mondo della pubblicità su TV avanzate

Il mondo della pubblicità su TV avanzate e connesse sta crescendo esponenzialmente. Ma le aziende sono preparate ad affrontarlo? Per fare chiarezza in un mercato in espansione, IAB ha lanciato la guida "Advanced TV Matrix: A Market Snapshot", creata da un gruppo di lavoro di operatori del settore. La guida, tra l'altro, sottolinea l'esigenza di una soluzione di misurazione cross-piattaforma indipendente, che sfrutti le "Guidelines for Identifier for Advertising on OTT Platforms" di IAB; il bisogno di un passaggio dal targeting su base nucleo familiare ad uno su base individuale; e l'adozione da parte dell'industria di metriche applicabili sia alla TV che al digitale. Leggi di più su MediaPost.

Hearst Magazines punta sui dati con un programma di formazione

Tra gli attuali principali focus di Hearst Magazines c'è l'intenzione di integrare maggiormente i dati in possesso del gruppo in tutti gli aspetti della sua operatività. Per far questo, l'editore ha deciso lanciare un programma di formazione per i suoi dipendenti, volto a renderli familiari con i temi di gestione del dato. Nasce così Hearst Data University (HDU), lanciato in beta questo mese: un progetto in partnership con il New Jersey Institute of Technology, che offrirà una serie di lezioni ai professionisti del gruppo appartenenti a varie divisioni, dalle vendite alle redazioni. Leggi di più su AdWeek

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI