• Programmatic
  • Engage conference

14/11/2018
di Alessandra La Rosa

Cresce l'header bidding mobile, spinto dall'adozione in-app. I dati PubMatic

La SSP ha pubblicato il suo terzo report Quarterly Mobile Index (QMI) del 2018, evidenziando alcuni dei principali trend della pubblicità su smartphone e tablet

Il Mobile Video è la tipologia di spot più in crescita tra i consumatori, e quella che attualmente ha la più alta quota di tempo speso, e anche in considerazione di ciò, è un canale che sta destando sempre più l'interesse delle aziende e creando opportunità di ricavi in aumento per gli editori. E' quanto rivela il terzo Quarterly Mobile Index (QMI) 2018 di PubMatic, lo studio trimestrale con cui la SSP indaga l'andamento della pubblicità su smartphone e tablet e i suoi principali trend, dal mobile video all'header bidding e all'espansione della monetizzazione cross-canale. Tra le principali evidenze dello studio, la crescita dell'header bidding mobile, man mano che la tecnologia inizia ad essere applicata anche all'ambiente in-app. Il volume dell'header bidding mobile è quasi raddoppiato, con un +95% anno su anno nel terzo trimestre (su desktop la tecnologia è cresciuta del 3%). Anche il "parallel bidding in-app" (l'equivalente dell'header bidding) sta proseguendo la sua ascesa, raggiungendo il 14% del volume complessivo dell'header bidding mobile. Lo studio ha anche evidenziato un'importante spinta (a tre cifre) del volume della pubblicità mobile nel settore retail, trainato dalla stagione del Back to School. Gli editori del mondo retail hanno infatti visto un aumento del 142% nel volume delle impression mobile monetizzate nel trimestre. Le impression monetizzate tramite app sono aumentate di 62 volte anno su anno, arrivando a coprire il 41% del volume mobile erogato attraverso PubMatic nel 2018.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI