• Programmatic
  • Engage conference

30/01/2019
di Caterina Varpi

Tv2000-InBlu Radio: a Vincenzo Morgante la direzione delle News

Assume il ruolo di Lucio Brunelli, che lascia la società per andare in pensione

Lucio Brunelli

Lucio Brunelli

Il Consiglio di amministrazione di Rete Blu Spa, la società a cui fanno capo Tv2000 e InBlu Radio, le emittenti della Conferenza episcopale italiana, comunica che dal 1 febbraio, Lucio Brunelli lascia la direzione dell’Informazione per andare in pensione. Al suo posto il Cda ha nominato Vincenzo Morgante che già dal 1 ottobre 2018 ha ricevuto l’incarico di direttore di Rete. Morgante dunque ricoprirà il doppio incarico di direttore di Rete e dell’Informazione di Tv2000 e InBlu Radio. Lucio Brunelli «A nome del Cda di Rete Blu, della Fondazione Comunicazione e cultura e della Segreteria della CEI – ha dichiarato il Presidente del CdA, don Ivan Maffeis – esprimo profonda gratitudine a Lucio Brunelli per la professionalità, la capacità di dialogo e ascolto, e l’umanità con cui dal 2014 ha ricoperto l’incarico di direttore dell’Informazione. A Vincenzo Morgante, con la stima e la fiducia, giunga l’augurio sincero per il lavoro di cui è chiamato a far sintesi». «Sono stati anni magnifici – ha aggiunto Lucio Brunelli - e per me indimenticabili. Ringrazio l’editore per la fiducia e la libertà di cui ho goduto. Ho trovato una redazione di ottimi professionisti che ho visto crescere anno dopo anno, al di là dei miei meriti e dei miei limiti. Soprattutto una comunità di lavoro esemplare, con legami di amicizia autentici che non potranno perdersi. Una voce libera e seria nel mondo dell’informazione. Faccio i miei auguri a Vincenzo Morgante, sicuro che farà bene e contribuirà a rendere ancora più significativa e forte questa voce». «Ringrazio l’editore per la fiducia – ha proseguito Vincenzo Morgante - che ancora una volta pone sulla mia persona. Un saluto grato al direttore Lucio Brunelli per l’ottimo lavoro svolto. Tv2000 e InBlu Radio, grazie ai loro giornalisti curiosi e competenti, continueranno ad offrire un’informazione libera e credibile nel rispetto della loro identità. La nostra vocazione principale è quella di offrire al Paese un’informazione che sia di autentico servizio pubblico».

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI