• Programmatic
  • Engage conference

03/06/2020

Interni si arricchisce di un nuovo format digitale quotidiano

La newsletter Interni Design Journal affronterà tutti i giorni tematiche di attualità analizzate sotto la lente del progetto

interni.jpg

Da questo mese Interni arricchisce e completa il suo sistema di comunicazione grazie a un nuovo format digitale quotidiano, Interni Design Journal, un'iniziativa che affronterà tematiche di attualità, analizzate però sotto la lente del progetto. Interni Design Journal, in italiano e inglese, è disponibile da questa settimana nella home page del sito internimagazine.it ed è veicolato attraverso un sistema di newsletter. Ogni giorno saranno presentati una parola chiave e un tema di grande interesse, affrontati attraverso l'opinione di una firma autorevole e un'inchiesta giornalistica, ma anche l'analisi progettuale di cinque prodotti novità insieme a vari approfondimenti multimediali con interviste a designer e imprenditori. I contenuti di Interni Design Journal sono a cura di Laura Traldi, giornalista professionista e  collaboratrice di lunga data del magazine. Ma questa non è l’unica novità: il numero di giugno del magazine di Mondadori, in edicola dal 5 del mese, è una speciale edizione cartacea dedicata a tutti i nuovi prodotti che avremmo potuto scoprire sia dentro, sia fuori al Salone Del Mobile, un numero che sottolinea l'attenzione della rivista diretta da Gilda Bojardi nei confronti non solo del design ma anche degli sforzi creativi di aziende e progettisti. Nella rassegna di 70 pagine vengono presentate le novità 2020 dei settori arredo casa, complemento d'arredo, cucina, bagno e illuminazione. Agli oltre 200 prodotti, pubblicati tutti in anteprima, si aggiungono i contributi di 102 imprenditori e 70 progettisti che, in esclusiva per il magazine, hanno espresso i loro pareri su una serie di importanti questioni: le strategie che dovranno essere attuate per la ripresa dell'industria dell'arredo, i valori su cui dovremo puntare per tutelare e consolidare la leadership del Made in Italy, i grandi temi su cui si giocherà il nostro futuro. Ad arricchire la fitta carrellata di testimonianze, i testi critici di Davide Rampello, operatore culturale, Stefano Micelli, economista, e Aldo Bonomi, sociologo. Tre punti di vista diversi ma con un'unica e forte convinzione: per dare vita a una ricostruzione virtuosa, il Sistema Italia dovrà puntare sui propri valori intrinseci, su un modello di “impresa su misura” capace di combinare l'innovazione digitale con la grande tradizione analogico-artigianale del made in Italy. “Interni crede nella forza dell'intera filiera del design e questo ricco programma di iniziative editoriali lo dimostra”, dichiara il direttore Gilda Bojardi. “Ci piace pensare che la rinascita della grande tradizione del progetto italiano inizi anche da qui, da una pluralità unica di espressioni a cui cercheremo sempre di dare voce nella loro ricca eterogeneità”. A sostegno di queste iniziative è prevista una campagna di comunicazione articolata su più mezzi: quotidiani, magazine e web.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI