• Programmatic
  • Engage conference

01/02/2021

Il Manifesto lancia “Al buio” la nuova campagna abbonamenti e supera i 200.000 lettori attivi registrati sul sito

L’iniziativa è la prima di una serie in cantiere per i 50 anni del quotidiano diretto da Norma Rangeri

Buio-manifesto-edicole.jpg

“Questo giornale puoi comprarlo al buio”: a gennaio nelle edicole di tutta Italia sono apparse delle copie speciali de Il Manifesto. Un'iniziativa coordinata tra edizioni di carta, i canali digital e social del quotidiano e alcuni manifesti luminosi per le strade di Roma con la scritta “Da leggere al buio”. 

#DaLeggereAlBuio è lo slogan scelto per la nuova campagna abbonamenti del Manifesto firmata dall’agenzia Latte Creative, che proseguirà con rubriche, azioni e contenuti dedicati nelle prossime settimane. 


Leggi anche: COSA SUCCEDE NEL MONDO DEI MEDIA? SCOPRILO SU ENGAGE 


Il quotidiano diretto da Norma Rangeri infatti ad aprile compie 50 anni (debuttò il 28 aprile 1971) e la campagna abbonamenti è il primo passo di un anno straordinario, con iniziative dedicate su tutti i canali, a cominciare dall'edicola. 

La campagna punta a raccontare come nel buio e nel caos della contemporaneità sia necessario avere informazioni libere, indipendenti e controcorrente. Un giornale di cui potersi fidare perché si mostra per ciò che è, che va in profondità con inchieste, riflessioni e idee capaci di illuminare i fatti e di mettere al centro della scena chi è ai margini. Il manifesto lo fa dal 1971: illumina ciò che è al buio, offre un’informazione coraggiosa e senza padroni. Un giornalismo militante e appassionato di cui ti puoi fidare, che va in profondità ma non rinuncia a lottare contro tutte le ingiustizie. 

Nel corso del 2021 Il Manifesto investirà tutta la propria creatività sul fronte editoriale e su strategie di coinvolgimento della propria comunità di lettori e abbonati. Con oltre 200.000 utenti attivi registrati sul sito, lo sviluppo dei prodotti digitali prosegue con l'obiettivo di creare una community ancora più unita e più sicura, con il più rigoroso rispetto della privacy e dei diritti digitali dei lettori, senza attività di profilazione o estrazione di dati, come fa fin dall'inizio della sua presenza online nel 1995, primo quotidiano nazionale italiano a dotarsi di un sito web.

I crediti della campagna 

Latte Creative: con la direzione creativa di Lorenzo Terragna hanno lavorato al progetto Nicole Romanelli (Copywriter), Antonella Romano (Art Director), Claudia Conte (Project Manager), Claudio Riccio (Strategist) e Alessandro Tilli (Coder). 

The Reach Out Labs è il digital publishing e main partner tecnologico de Il Manifesto

Alèa Strategy (Guido Tocco e Raul Grazioli) si occupa di Marketing e Data Analysis.

Per Il Manifesto hanno lavorato al progetto Shendi Veli (project manager), Costanza Fraia (grafica e illustrazioni), Caterina Giordano (media) e Matteo Bartocci (direttore editoriale).

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI