• Programmatic
  • Engage conference

21/04/2020

Coronavirus e informazione, numeri record per Europa.Today.it

Nel mese di marzo, il quotidiano di informazione comunitaria del Gruppo Editoriale Citynews è balzato oltre i due 2 milioni di lettori unici

EuropaToday-Desktop.jpg

Volano i numeri di Europa.Today.it. Nel mese di marzo, il quotidiano di informazione europea del Gruppo Editoriale Citynews è balzato oltre i due 2 milioni di lettori unici, triplicando le proprie audience rispetto a febbraio e rivelandosi una fonte primaria di informazione per tutto ciò che riguarda la politica dell’UE in queste settimane caratterizzate dalle sfide imposte al Paese dall'epidemia di Coronavirus. Un boom di audience che si spiega facilmente guardando ai temi di attualità che assillano gli italiani e gli europei in questo periodo. Tra i principali trending topic delle ultime settimane e tra le keywords più ricercate su Google dagli italiani troviamo infatti ai primi posti: MES, Eurobond, Coronabond e Reddito di emergenza. “Le conferme arrivano dai dati – dichiara il responsabile editoriale della testata, Dario Prestigiacomo -. In queste ultime settimane caratterizzate dalla pandemia da Covid-19 e dal conseguente lockdown deciso da molti governi del nostro continente, EuropaToday.it ha registrato una crescita di audience di molto superiore a quella degli altri siti di informazione, sia nazionale che locale”. EuropaToday.it, pubblicata nel 2017 con il sostegno economico del Parlamento Europeo, è un progetto giornalistico unico per il nostro Paese, presente a Bruxelles e a Strasburgo con una redazione capace di dare notizie accurate e in diretta sui fatti inerenti alle istituzioni comunitarie. “La linea editoriale della nostra testata – spiega Prestigiacomo – è quella di avvicinare la politica Europea ai territori italiani, essere quindi un mezzo di divulgazione che avvicini la complessa macchina politica dell’UE al cittadino comune. Ma nonostante questo sappiamo bene che una fetta maggioritaria dei nostri lettori appartiene, per ovvie ragioni, al mondo degli affari, delle istituzioni e della politica: imprenditori, manager, politici di qualsiasi livello, donne e uomini che operano nelle numerose istituzioni pubbliche. Questa realtà dà ancora più valore ai numeri raggiunti in queste settimane e, allo stesso tempo, ci fornisce la consapevolezza di avere la responsabilità di informare correttamente l’ampia categoria dei decision maker del nostro Paese, in questo momento storico cruciale per l’Italia e per l’Unione Europea”. Gli oltre 2 milioni di lettori unici registrati nel mese di marzo rappresentano, spiega l'editore, un aumento del +328% rispetto ai dati del mese precedente. Le pagine viste, nello stesso periodo di riferimento, hanno registrato un aumento del +377%, passando da 752 mila a oltre 3,5 milioni. E il mese di aprile non sembra esser da meno. Confrontando la prima settimana di marzo con la prima di aprile, si evidenzia un aumento di utenti unici del 240% e una crescita del 285% delle pagine viste. “EuropaToday è stata la prima iniziativa di Citynews al di fuori del territorio nazionale – racconta Fernando Diana, Ceo del Gruppo Editoriale –. L'obiettivo era quello di creare un innovativo sistema editoriale in grado di sposare l'informazione europea con quella di prossimità, colmando, allo stesso tempo, il vuoto informativo sulle iniziative del Parlamento Ue in Italia e riducendo così la distanza tra gli italiani e le istituzioni comunitarie”. “Ad oggi – conclude Diana –, EuropaToday produce mensilmente circa 170 contenuti, tra articoli e video notizie, diffonde i suoi TG al network delle 68 emittenti televisive locali dell’Agenzia Dire, raggiungendo in media 2,1 milioni di telespettatori al giorno, e veicola GR attraverso le 31 emittenti radiofoniche locali dell’Agenzia Area, raggiungendo 2,4 milioni di ascoltatori al giorno. Un progetto che, mai come oggi, posso tranquillamente affermare esser stato lungimirante e prezioso per tutti quei cittadini e soprattutto decision maker che scelgono di informarsi su EuropaToday”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI