• Programmatic
  • Engage conference

06/05/2020

Ciaopeople primo gruppo di informazione in Italia secondo Comscore

La classifica del mese di marzo vede le testate del Gruppo Fanpage.it, Cookist e Ohga al primo posto, lette da oltre l’82% dell’utenza internet

Ciaopeople-comscore-marzo-2020.jpg

L’esplosione della richiesta di informazione da parte degli italiani, nel mese di marzo 2020, ha portato le tre testate del gruppo Ciaopeople al primo posto della classifica dei primi 100 media italiani per total digital audience di Comscore. Gli italiani, chiusi in casa dal lockdown, hanno scelto Fanpage.it, Ohga e Cookist per l’informazione affidabile e in tempo reale. Il gruppo editoriale Ciaopeople, attraverso le tre testate, supera i 32 milioni di visitatori unici mensili, su un totale di 39 milioni della total digital audience di marzo. Questo significa che l'editore ha raggiunto nel mese 8 italiani su 10 tra quelli che hanno fatto accesso a internet. Ciaopeople Nello specifico, il giornale online Fanpage.it registra oltre 30 milioni di utenti, la nuova testata per foodie e food lover Cookist, raggiunge quasi 8 milioni di italiani - ulteriore conferma della sua leadership nella categoria Food & Cooking -, e infine Ohga, magazine lifestyle focalizzato su temi health, wellness e green, raggiunge circa 3 milioni e 200 mila utenti. “Essere entrati in contatto con l’82% degli italiani connessi è una responsabilità per il futuro”, dichiara Giorgio Mennella, Advertising Director di Ciaopeople. “Ognuna delle nostre testate risponde alle necessità di un pubblico sempre più ampio, che cresce di mese in mese (+4 milioni febbraio/marzo. ndr), cosa che ci impone un impegno sempre maggiore nello sviluppo di contenuti di qualità. E sono questi stessi contenuti che vanno a creare un contesto e un mezzo sensibile attraverso il quale i nostri partner possono comunicare all’audience news più vasta del panorama digitale italiano. Un’audience attenta e ingaggiata, che ha imparato a seguire e ad apprezzare il nostro linguaggio, sia redazionale che pubblicitario”, conclude il manager.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI