• Programmatic
  • Engage conference

29/09/2020
di Caterina Varpi

Audiweb Week: crescono le testate femminili e di attualità nella settimana dal 14 al 20 settembre

Corriere della Sera è il sito di news più visto, seguito da TGCom24 e La Repubblica

mobile-desktop-smartphone.jpg

La ripresa delle attività dopo la pausa estiva dà slancio all’audience online di gran parte dei brand iscritti alla rilevazione Audiweb Daily/Weekly.

L’audience online della settimana tra il 14 e il 20 settembre, secondo i dati Audiweb, mostra un andamento positivo rispetto alla settimana tra il 10 e il 16 agosto, segnale della ripresa delle attività dopo la pausa estiva. Gran parte degli editori iscritti alla rilevazione Audiweb Week presentano, infatti, dati in crescita se confrontati con la settimana centrale di agosto che, come visto, era stata caratterizzata da una tipica contrazione stagionale e, al contempo, da un trend positivo per i brand dedicati ai contenuti sportivi. 


Leggi anche: AUDIWEB E AUDIPRESS POTREBBERO FONDERSI ALL’INSEGNA DELLA “TOTAL AUDIENCE”


Entrando nel dettaglio dei dati di questa nuova settimana, la ripresa delle attività lavorative e l’avvio di quelle scolastiche hanno influenzato positivamente soprattutto i brand delle testate femminili, di attualità, dei broadcaster online e quelli dedicati ai contenuti per lo studio e la scuola.

Per quanto riguarda i brand, il primo sito di news è il Corriere della Sera con 13,1 milioni di utenti unici, seguito da TgCom24, con 11,3 milioni, e La Repubblica, con 11 milioni.

Clicca sull'immagine per ingrandire

Per quanto riguarda i dati dell’audience dei contenuti video degli editori iscritti, in questo caso emergono alcuni brand in crescita rispetto alla settimana agostana, grazie a contenuti che vanno dalla cronaca, all'attualità e al costume e, nel caso dei broadcaster rilevati, alla ripresa dei palinsesti televisivi.

Guardando i numeri dei brand, Fanpage, TGCom24 e Mediaset Play svettano nel ranking video con, rispettivamente, 4,2 milioni di utenti unici, 3,7 milioni e 3,1 milioni.

Clicca sull'immagine per ingrandire

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI