• Programmatic
  • Engage conference

10/10/2022
di Alessandra La Rosa

Serially.it sceglie Something To Talk About dopo gara a quattro: a metà mese la nuova campagna

Il concept godrà di una pianificazione multimediale su affissioni, radio, display, social e cinema

Tiziana Perotti e Alessandro Sabini di Something To Talk About

Tiziana Perotti e Alessandro Sabini di Something To Talk About

A seguito di una gara che ha visto coinvolte quattro agenzie, Serially.it ha deciso di affidare a Something To Talk About, il nuovo hub creativo fondato da Tiziana Perotti e Alessandro Sabini, lo sviluppo della comunicazione in Italia della nuova piattaforma streaming TV dedicata alle sole serie televisive.

Questa fase di comunicazione nasce per festeggiare il primo anniversario della nuova piattaforma streaming TV, gratuita e senza abbonamento.

“In un contesto socio-economico come quello che stiamo vivendo, in cui i temi caldi  sono l’inflazione, la recessione e il caro bollette, Serially.it decide di eliminare l’abbonamento - dichiarano Tiziana Perotti e Alessandro Sabini -. Finalmente qualcuno va contro corrente, ci siamo detti. Da questa decisione coraggiosa del brand, e da questa nostra spontanea esclamazione, nasce il posizionamento/pay-off ‘Serially. Finally’. Una promessa di marca di lungo periodo che non smentirà il suo pubblico non solo sul tema gratuità, ma anche sui tanti contenuti, serie televisive provenienti da tutto il mondo“.


Leggi anche: TUTTE LE GARE DEL 2022


“L’idea della lettera d’addio, che con atteggiamento simpaticamente retrò, saluta il ‘caro’ (con un ammiccante doppio senso) abbonamento ci è piaciuta subito - commenta la Chief Revenue Officer di Serially, Sara Pupin -. È una comunicazione in linea con il nostro spirito: fresca, simpatica, delicatamente irriverente. Tiziana e Alessandro hanno saputo interpretare bene i nostri valori: due professionisti della comunicazione che sicuramente hanno dalla loro una solida esperienza, grande professionalità e una forte empatia”.

La campagna di lancio dà quindi l’addio al “Caro Abbonamento” e lo fa in stile cinematografico, con un tono leggero, simpatico, un po’ ribelle: “Caro Abbonamento, tra noi è finita”, “Caro abbonamento, mi sei scaduto”, “Caro abbonamento, ti vedo male” sono alcuni dei titoli che rivestiranno la città di Milano nelle prossime settimane.

La campagna andrà on air da metà ottobre e godrà di una pianificazione su affissioni della metropolitana, radio, display, social e cinema.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI