• Programmatic
  • Engage conference

05/10/2018
di Andrea Salvadori

Stampa, i ricavi pubblicitari calano a 528 milioni di euro nei primi 8 mesi

Trend negativo del 6,8% con i quotidiani che perdono il 5,8% e i periodici l'8,5%

Nei primi otto mesi dell'anno la stampa italiana perde ancora quote nel mercato della pubblicità. Secondo quanto comunica l’Osservatorio Stampa FCP, nel periodo compreso tra gennaio e agosto i ricavi pubblicitari raccolti dalla stampa italiana sono risultati in calo del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2017, con un giro d'affari di 528 milioni di euro. In particolare i quotidiani si assicurano un fatturato di 340 milioni di euro, in calo del 5,8%, a fronte di un leggero incremento degli spazi venduti (+0,6%), mentre i periodici incassano 187 milioni di euro, con un decremento dell'8,5% (il calo riguarda anche gli spazi, -1,9%). Tornando ai quotidiani, la commerciale nazionale (144 milioni di euro) perde il 3% del fatturato con un aumento degli spazi venduti del 7,9%, un dato quest'ultimo che evidenzia una decisa diminuazione media dei listini. La locale, con un fatturato di oltre 112 milioni di euro, lascia sul campo il 4,1% a fatturato mentenendo inalterata la quantità di spazi venduti. La pubblicità legale cala sia a fatturato (-21,5%) sia sul fronte degli spazi (-11,9%), mentre la finanziaria ha segnato una diminuzione dei ricavi raccolti dello 0,8% con spazi venduti in aumento del 5,2%. La tipologia Classified vede diminuire il fatturato del 5,6% e gli spazi del 16%. Nell'ambito della stampa periodica, i settimanali perdono il 7,9% dei ricavi (gli spazi venduti aumentano dello 0,4%), i mensili il 6,4% (gli spazi diminuiscono del 2,7%) e le altre periodicità addirittura il 45,3% (con gli spazi in calo del 26%).

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI