Widespace: 5 consigli per creare una campagna video mobile di successo

A pochi mesi dal lancio del nuovo mobile video ad, Streamview, la sigla traccia l’analisi dei benefici del nuovo formato sugli utenti e sui brand e condivide alcuni suggerimenti per la buona riuscita delle adv

di Caterina Varpi
16 dicembre 2015
StreamView-Widespace

La fruizione di video da mobile continua a registrare  una crescita inarrestabile a discapito della tv lineare, creando nuovi modelli di consumo. La visualizzazione di un video pubblicitario non è più legato ad una specifica fascia oraria, perché ogni persona porta con sé il proprio smartphone a qualsiasi ora del giorno e della notte. Questo si traduce in un vantaggio per gli inserzionisti che vedono moltiplicarsi le opportunità di raggiungere il proprio target.

Cogliendo questa evoluzione del mercato, Widespace ha lanciato ad aprile StreamView, un formato pubblicitario che, sfruttando funzionalità di auto-playing e in-screen, è in grado di combinare le possibilità creative degli annunci video con la premium reach dell’ampio network mobile di siti e app della società (leggi l’articolo dedicato). Oggi, a pochi mesi di distanza, Widespace è in grado di condividere alcuni risultati emersi dall’analisi delle prime campagne concluse.

I dati evidenziano un aumento della brand awareness e una crescita dell’intenzione di acquisto del 104% rispetto a chi non è stato esposto alla campagna.

Dallo studio di questi dati, la sigla ha estratto una breve guida su come creare una campagna di video mobile di successo, con cinque insight:

  1. Scegliere una soluzione di video in cui non è necessario cliccare. 9 persone su 10 non cliccano sugli annunci neanche quando li trovano interessanti.
  2. Messaggio e brand devono colpire subito l’attenzione dell’utente. Circa il 55% degli utenti abbandona il video dopo i primi tre secondi.
  3. Il restante 45% che continuerà a guardare il video, lo farà mediamente per altri 10 secondi. Assicurarsi quindi di personalizzare il messaggio in modo che contenga quello che si vuole trasmettere in questo intervallo di tempo.
  4. Pensare a una creatività video che possa colpire l’attenzione e coinvolgere l’utente anche con l’audio off. Sono pochi gli utenti che guardano i video a full screen.
  5. Cercare di customizzare il più possibile il formato evitando di inserire troppe scritte e dettagli. Gli schermi degli smartphone sono piccoli.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.