• Programmatic
  • Engage conference

15/10/2019
di Simone Freddi

MailUp: nuova versione dell’editor di email BEE

Terza edizione per il software, già usato da oltre un milione di utenti nel mondo. Debuttano una serie di inediti strumenti di creazione di contenuti e una nuova piattaforma dedicata agli sviluppatori

BEE_Logo_nosite.jpg

MailUp Group ha annunciato il rilascio della versione 3 di BEE, il suo popolare editor di email drag-n-drop. Il software, disponibile online su beefree.io ed è integrato in oltre 600 applicazioni SaaS, è stato interamente riscritto e oggi, spiega l'azienda, garantisce: maggior velocità di caricamento; maggior flessibilità (viene esteso il controllo dell’utente su elementi di UI, colori e testi); maggiore estendibilità, grazie all’introduzione di una nuova piattaforma developer per creare add-on e contenuti personalizzati. Rimane invece invariata l’interfaccia del prodotto, già utilizzata da oltre un milione di utenti in tutto il mondo. Il rilascio, ufficializzato nel corso della conferenza SaaStock a Dublino, avviene in concomitanza del quinto anniversario di attività dell’editor, lanciato nell’ottobre 2014 come progetto collaterale e cresciuto in breve tempo fino a diventare un successo internazionale e una business unit indipendente all’interno del Gruppo. Nel terzo trimestre 2019, BEE ha registrato una crescita di vendite consolidate del 113% rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente, grazie all’incremento combinato del numero dei clienti e del fatturato medio per cliente, rivelandosi la business unit a maggior crescita all’interno di MailUp Group. Queste le parole di Massimo Arrigoni, a capo della business unit: “Siamo orgogliosi di presentare a SaaStock la nuova generazione del nostro editor integrabile. La nuova versione di BEE apre la strada a importanti sviluppi innovativi. BEE si espanderà oltre la creazione di email grazie all’introduzione di nuovi strumenti di creazione contenuti e si aprirà ai developer, consentendo lo sviluppo di add-on e contenuti custom. Siamo elettrizzati per quello che ci porterà il 2020”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI