• Programmatic
  • Engage conference

26/01/2021
di Cristina Oliva

madvertise e dilium: tecnologia e realtà aumentata per coinvolgere il cliente

L'AR Marketing per colmare il divario creatosi tra Brand e consumatore

madvertise-dilium.jpg

In questo periodo, in cui il veloce cambiamento porta a dover affrontare non poche difficoltà per quanto riguarda il posizionamento di prodotti e servizi che in altri momenti si sarebbe avvalso di pratiche ben consolidate nel tempo, la tecnologia diventa una possibile strada da percorrere per trovare nuovi modi di interazione con la propria audience

Per questo madvertise, realtà consolidata nel mondo dell’adtech mobile sin dal 2008, si è riunita e confrontata con dilium, startup innovativa milanese pioniera di Tecnologie di frontiera come il Machine Learning & AI, Blockchain & Realtà Aumentata.

Da questo incontro nasce l’opportunità di far confluire le dinamiche del marketing digitale con il mondo della realtà aumentata, andando a colmare il divario creatosi tra Brand e consumatore.

Attraverso un’app creata ad-hoc per il cliente da dilium e tramite il supporto creativo di madvertise alla creazione delle esperienze si apre uno scenario dove il cliente finale viene invogliato ad interagire con il archio attraverso un’esperienza ingaggiante.

Animazioni, video ed in generale sovrapposizione di elementi virtuali alla realtà sono solo alcuni degli aspetti che coinvolgono le persone attraverso una modalità nuova di comunicazione. Al suo interno infatti possono essere inserite molte Call to action come il Click to call, direct messaging, download di contenuti come coupon, link di collegamento alle pagine di prodotto fino al drive to store.

Il tutto avviene tramite un target che può essere sia fisico che digitale. Tutto ciò che è bidimensionale, unico e inquadrabile tramite lo smartphone può essere usato come ‘trigger’ per l’esperienza, portando il cliente a scoprire un mondo che esiste esclusivamente attraverso il proprio telefono.

Si può immaginare, per esempio, di aver appena comprato un pacco di pasta. Un richiamo sul packaging invita ad installare la app AR del Supermercato dove è stata comprata e ad inquadrarne la scatola. Appaiono alcuni bottoni come ad esempio un video con una ricetta, consigli di cucina, informazioni nutrizionali oltre al link al carrello dell’e-commerce del Supermercato dove possiamo inserire il pacco terminato e altri prodotti del Brand. Il tutto in maniera diretta e facilmente fruibile.

BEST PRACTICE PER UNA CAMPAGNA DI AR MARKETING DI SUCCESSO

I modi in cui si può implementare questa tecnologia all’interno della comunicazione sono molteplici e ogni caso è unico, ma ci sono alcune accortezze da tenere a mente per ottenere il meglio da questo strumento. Ecco quali sono i punti su cui fare focus per usare al meglio L’AR così da soddisfare i benchmark di campagna:

Value e identità aziendale devono essere ben chiari per far si che la comunicazione risulti coerente e quindi degna di fiducia. Attraverso l’app AR infatti si crea un rapporto intimo con il cliente che avrà la possibilità di curiosare tra i contenuti messi a disposizione, liberamente.

Avere una strategia precisa e ad ampio raggio prevedendo al suo interno l’uso dell’AR come strumento sia di awareness che di performance, prevedendo dei supporti esterni con cui interagire: packaging, brochure, loghi, immagini digitali e tutto ciò che è bidimensionale ed inquadrabile tramite uno smartphone può essere utilizzato come trigger per l’esperienza.

Apportare un valore aggiunto deve essere un mantra nello studio delle esperienze in AR, mentre fornire informazioni rilevanti e di reale interesse per il proprio target deve diventare un bisogno primario da soddisfare in fase di progetto della campagna.



scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI