Google tratta l’acquisizione di InMobi per rafforzarsi nel mobile adv

Con 2,5 miliardi di valutazione e circa 400 milioni di fatturato annuo, la società indiana è tra le maggiori realtà indipendenti nella pubblicità mobile con una piattaforma capace di raggiungere un miliardo di utenti, anche con formati evoluti

di Simone Freddi
11 marzo 2015
La sede di Google

Google, secondo quanto riporta l’agenzia Reuters, starebbe trattando l’acquisizione dell’indiana InMobi per rafforzare la sua offerta nella pubblicità mobile.

Fondata nel 2007 a Bangalore come motore di ricerca per mobile, InMobi si è poi specializzata nell’analisi degli utenti e nell’erogazione di pubblicità mirata online, diventando uno dei grandi protagonisti del mobile advertising globale. La sua piattaforma, secondo quanto riportato dalla stessa società, sarebbe in grado di raggiungere oltre un miliardo di utenti in 200 Paesi.

La valutazione di InMobi, secondo un recente studio del Dow Jones VentureSource, sarebbe attorno ai 2,5 miliardi di dollari, con un fatturato annuo non distante dai 400 milioni, il che ne fa una delle società dell’ad-tech maggiori tra quelle non quotate.

Tra i punti di forza di InMobi, oltre all’ampiezza del network e alle capacità di analisi, c’è l’ampio spettro di formati pubblicitari supportati, che includono video, native e full screen, ampiamente riconosciuti dalla industry e quindi molto appetibili per i marketer. Dalla fine dello scorso anno, attraverso l’InMobi Ad Exchange è possibile inoltre raggiungere in maniera programmatica il proprio target anche su mobile app.

Negli ultimi mesi, diversi sono gli accordi che inMobi ha stretto con altri player del settore pubblicitario, da Rubicon Project per l’apertura di un ad exchange per il native adv a Starcom Mediavest Group, con cui è stata estesa all’Europa una partnership già attiva in Nord America grazie alla quale inMobi sarà la porta d’accesso principale al mobile adv per i clienti di Starcom e Mediavest.

Per Google, l’acquisizione di inMobi significherebbe non solo annettere un temibile concorrente, ma anche mettere le mani su una tecnologia innovativa con cui rafforzarsi ulteriormente nel settore mobile e mandare un segnale rassicurante ai suoi investitori.

Al mercato non è infatti sfuggito il raffreddamento della crescita del giro d’affari di Google legato all’advertising, con un calo del “cost per click” medio che si è ripercosso sugli ultimi dati finanziari, giudicati “deludenti” dagli analisti nonostante oltre 18 miliardi di dollari di ricavi trimestrali. Proprio oggi inoltre, con un post a sorpresa su Google+, Patrick Pichette, capo delle finanze nonché vice presidente di Google, ha annunciato l’addio al gruppo per dedicarsi alla famiglia.

 

Intanto, Google ha aperto a Londra il suo primo negozio monomarca, il Google Shop, su Tottenham Court Road, all’interno di Currys Pc World, uno dei brand della catena Dixons Carphone.

“Il ritmo dell’innovazione dei device che tutti usiamo è incredibile, mentre il modo in cui sono venduti è rimasto lo stesso per anni. Con il Google Shop vogliamo offrire alle persone un posto dove possono giocare, sperimentare e imparare tutto quello che Google ha da proporre”, ha detto James Elias, direttore marketing di Google nel Regno Unito, secondo quanto riporta l’agenzia Askanews.

All’interno del negozio ci sarà un enorme schermo “avvolgente”, come lo ha definito la società, che consentirà ai clienti di “volare” da una parte all’altra del globo grazie a Google Earth. Ci sarà anche un muro dove le persone potranno dipingere con bombolette spray la propria versione del logo di Google, per poi condividerla sui social media.
Il “negozio dentro un negozio”, come lo ha definito Google, rappresenta un nuovo capitolo della sfida a Cupertino e ai suoi Apple Store. Nei Google Shop si troveranno le linee di smartphone e tablet con sistema operativo Android, i laptop Chromebook e i dispositivi Chromecast.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.