• Programmatic
  • Engage conference

27/03/2019
di Alessandra La Rosa

Google lancia le AMP per le email. Cosa cambia per i brand?

La novità, disponibile su Gmail e sui principali provider di posta elettronica a livello globale, promette di portare cambiamenti anche al modo in cui le aziende utilizzano le email a fini di marketing

amp-email.jpg

Due anni dopo il lancio delle AMP per le pagine web, Google ha annunciato l'estensione del progetto anche al mondo delle email. A partire da questi giorni, le specifiche per la creazione di messaggi di posta elettronica in AMP sono disponibili per tutti i principali provider del mondo, tra cui Gmail (ovviamente), Yahoo Mail, Outlook.com e Mail.ru. Una novità che promette di portare cambiamenti anche al modo in cui le aziende utilizzano le email a fini di marketing, con la possibilità, adesso, di creare esperienze più dinamiche e interattive, maggiormente vicine al mondo web che a quello delle email statiche. Tra i principali benefici che le email AMP garantiscono, c'è infatti la possibilità di aggiornare i contenuti in tempo reale, consentendo agli utenti di interagire con i contenuti e di effettuare delle azioni senza bisogno di uscire dal messaggio di posta. Tramite le AMP per email sarà possibile, ad esempio, effettuare l'RSVP agli eventi, compilare questionari, sfogliare cataloghi o rispondere a commenti, il tutto all'interno dell'email. I messaggi potranno anche essere costantemente aggiornati, mostrando i contenuti più recenti dal thread di commenti o le raccomandazioni più nuove. Il lancio delle AMP arriva dopo circa un anno di test in beta, a cui hanno partecipato varie aziende tra cui Booking.com, Doodle e Pinterest. Quest'ultimo ha utilizzato lo strumento per consentire ai propri utenti di navigare e aggiungere Pin direttamente alla propria bacheca senza uscire da Gmail, di fatto attraverso un'esperienza molto simile a quella che si può avere sul social via app o sul web.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI