AOL annuncia ONE, piattaforma programmatica multischermo. Partnership con IPG Mediabrands

Sfruttando le potenzialità di Adap.tv, AdLearn Open Platform e di Marketplace, offrirà strumenti automatizzati per pianificare, acquistare, misurare e ottimizzare su ogni tipo di schermo, tv inclusa. Verso fine anno le prime release

di Lorenzo Mosciatti
26 marzo 2014
One by Aol logo

Aol ha annunciato oggi lo sviluppo di una nuova piattaforma pubblicitaria programmatica globale per brand, editori e agenzie. Si chiama One by Aol e sfrutterà i team e le tecnologie di Adap.tv, AOP (AdLearn Open Platform) e Marketplace per veicolare efficaci iniziative, insight per i brand su ogni tipo di schermo, incluso quello televisivo, formati e inventory.

Tim Armstrong, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione Aol, e Bob Lord, amministratore delegato Aol Platforms, hanno dato l’annuncio durante la presentazione di apertura di ad:tech San Francisco, dove hanno illustrato la loro visione del futuro della pubblicità: un ecosistema aperto in cui partner, concorrenti, editori e marketer, trarranno tutti vantaggio da un settore sempre più guidato da piattaforme. Matt Seiler, amministratore delegato globale Ipg Mediabrands, li ha raggiunti sul palco per annunciare che IPpg Mediabrands sarà partner nella fondazione di One – rafforzando il proprio impegno ad automatizzare completamente la metà dei propri investimenti entro il 2016. Operando congiuntamente, le due aziende intendono mantenere la promessa di automatizzazione del settore su larga scala.

“Negli ultimi quattro anni Aol ha costruito piattaforme per agevolare un flusso efficiente ed efficace di investimenti pubblicitari verso il settore digitale” ha affermato Tim Armstrong. “Noi costruiamo marchi: il nostro e quelli di oltre 22.000 editori che fanno parte della nostra rete globale, nonché delle migliaia di marketer con i quali lavoriamo quotidianamente supportandoli nel raggiungimento dei propri obiettivi in un mercato dinamico e in rapida evoluzione come quello attuale. Per quanto riguarda le piattaforme pubblicitarie, l’automazione interviene in maniera preponderante nelle decisioni sui media, dalla tv al digitale, e noi ci troviamo in una buona posizione per aiutare gli inserzionisti, le agenzie e gli editori a scoprire il vero valore della pubblicità basata sui dati”.

“Abbiamo affermato pubblicamente che prevediamo di automatizzare il 50% delle nostre decisioni di media buying nel Nord America entro il 2016, e che altri mercati internazionali seguiranno a breve, e intendiamo utilizzare Aol come piattaforma partner principale per portare aventi questo impegno – ha dichiarato invece Matt Seiler -. La partnership con Aol ci consente di sfruttare appieno la potenza dell’automazione sia per effettuare investimenti intelligenti più velocemente sia per veicolare contenuti personalizzati e soluzioni high-touch attraverso nuove risorse.”

Contestualmente a questo lancio, la divisione tecnologica AOL Networks cambia denominazione, diventando AOL Platforms.

One by Aol – Le caratteristiche:

One sarà la prima piattaforma a offrire alle aziende una visione olistica del viaggio del consumatore nel il processo di marketing e a permettere di agire in tempo reale sulla piattaforma in base a queste informazioni. Lo sviluppo di One sta procedendo e i clienti saranno in grado di usare parti della piattaforma a partire dagli ultimi mesi di quest’anno.

One farà leva su:

  • Adap.tv: una piattaforma programmatica unificata che offre a buyer e venditori strumenti automatizzati per pianificare, acquistare, misurare e ottimizzare su tv lineare e video digitale.
  • Aop: una piattaforma programmatica per display e dispositivi mobili, basata sulla tecnologia AdLearn, che consente agli inserzionisti e alle agenzie di gestire, ottimizzare e analizzare in tempo reale le campagne di marketing online da una piattaforma centralizzata.
  • Marketplace: una piattaforma programmatica per display e dispositivi mobili che assicura agli editori online più stabilità della domanda, e ottimizza il valore della loro inventory.

One sarà commercializzata come soluzione enterprise e inoltre sarà utilizzata da Aol come piattaforma programmatica dedicata. “I clienti che hanno scelto un partner esterno per una parte della soluzione tecnologica adv, potranno in grado di integrare e inserire tale soluzione nella nostra piattaforma”, ha spiegato Bob Lord.

Secondo le previsioni di Magna Global, pubblicate a ottobre 2013, complessivamente nei prossimi quattro anni saranno spesi 100 miliardi di dollari in acquisti programmatici sugli schermi di tutto il mondo. Entro il 2017, negli Stati Uniti l’80% della spesa adv su vari formati (display, video, dispositivi mobili) riguarderà transazioni condotte in via programmatica, mentre a partire dal 2013 i mercati internazionali registreranno una crescita del 240% nella spesa programmatica.

 

 

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.