Akamai contributor del Rapporto Clusit 2015 sulla sicurezza ICT

Il Rapporto verrà presentato da Clusit nel corso di una conferenza stampa il 25 febbraio, alla quale parteciperà anche Paolo Bufarini, head of Security Sales for Mediterranean Region di Akamai Italia

di Rosa Guerrieri
19 febbraio 2015
sicurezza-informatica

Akamai Italia annuncia di aver preso parte al Rapporto Clusit 2015 sulla sicurezza ICT in Italia in qualità di contributor. Il Rapporto, verrà presentato da Clusit, associazione italiana specializzata nel campo della sicurezza informatica, durante la conferenza stampa in programma per il 25 febbraio, alla quale parteciperà anche Paolo Bufarini, head of Security Sales for Mediterranean Region di Akamai Italia.

Quest’anno – per la prima volta in Italia – Akamai ha messo a disposizione di Clusit i dati relativi agli attacchi di tipo DDoS (Distributed Denial of Service) verificatisi nel corso del 2014 a livello globale, con particolare riguardo alla tipologia dei vettori d’attacco utilizzati e un case study sulle problematiche di sicurezza che vedono coinvolti i dispositivi che costituiscono l’Internet of Things (IoT). Il risultato dell’analisi sarà presentato in dettaglio nel capitolo “Rapporto sullo stato di Internet del 2014 ed analisi globale degli attacchi DDoS”. Lo studio è stato realizzato sulla base dei dati e delle analisi redatte dai due servizi di monitoraggio sulla sicurezza della rete Internet di Akamai: Prolexic Security Engineering & Research Team (PLXsert) e Akamai Customer Security Incident Response Team (csirt).

«Siamo lieti di condividere con Clusit le informazioni sullo stato delle minacce informatiche analizzate dai nostri centri di monitoraggio globali – afferma Bufarini -. Crediamo sia diventato di estrema importanza diffondere la conoscenza delle nuove minacce emergenti, in modo che i responsabili della sicurezza possano implementare i corretti sistemi di controllo e le giuste contromisure nei sistemi informativi delle loro aziende».

«Oggi, purtroppo, è molto più probabile essere vittima di un crimine nel mondo virtuale che non nel mondo reale, ed è necessario educare la comunità per far fronte a questi nuovi rischi – aggiunge Luca Collacciani, regional manager di Akamai Italia -. Obiettivo di questa collaborazione è quello di rendere tutti più consapevoli sul tema della sicurezza in Internet: nel nostro paese, infatti, il tema è ancora sottovalutato e molte organizzazioni non hanno gli strumenti adatti per una difesa efficace».

Frutto della collaborazione di oltre un centinaio di professionisti, il Rapporto Clusit 2015 sulla sicurezza ICT in Italia fornisce ogni anno il quadro più aggiornato ed esaustivo della situazione globale della sicurezza informatica. Durante la conferenza stampa del 25 febbraio saranno anticipate le tendenze per il 2015, con introduzione a tematiche di particolare rilevanza e attualità, quali Internet delle cose, M-Commerce e il fenomeno dei Bitcoin. Il Rapporto completo sarà presentato al pubblico il 17 marzo, nella sessione plenaria di apertura del Security Summit 2015.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.