Su YouTube arriva un nuovo formato che unisce due spot in un unico break

La soluzione, che avvicina ancora di più la piattaforma di Google alla TV tradizionale, è attualmente in fase di test. Verrà lanciata entro fine anno, inizialmente su desktop

di Alessandra La Rosa
22 novembre 2018
youtube-620x413

YouTube amplia la sua offerta pubblicitaria con un nuovo formato. Si chiama Ad Pods, e ad annunciarne il lancio è stata la stessa piattaforma video di Google in un blog post ufficiale.

Gli Ad Pods sono un formato che mostra due spot differenti spot pubblicitari – pre-roll o mid-roll – uno dopo l’altro. Una vera novità per YouTube, dove fino ad ora i break pubblicitari comprendevano un singolo commercial per volta.

La soluzione è attualmente in fase di test, e verrà ufficialmente lanciata entro la fine dell’anno per la versione desktop di YouTube. Seguiranno successivamente i lanci per l’app mobile e per le TV connesse.

Il formato, a detta del project manager Google video ads Khushbu Rathi, nasce con l’obiettivo di ridurre il numero di break pubblicitari nel corso dei video più lunghi. E proprio in considerazione di ciò, non tutti i video ospiteranno gli Ad Pods, ma la presenza del formato dipenderà da una serie di fattori, tra i quali proprio la lunghezza del video.

AdPods_youtube

“Abbiamo visto che una minor quantità di interruzioni pubblicitarie è legata a migliori metriche di utenza, incluso un minore abbandono dei contenuti e livelli più alti di visione degli annunci”, spiega Rathi nel post, aggiungendo che, con la nuova soluzione adv, “gli utenti sperimenteranno fino al 40% di interruzioni pubblicitarie in meno nella sessione di visione di un contenuto”.

Secondo i primi test effettuati da Google, gli Ad Pods avrebbero fatto registrare agli inserzionisti un aumento tra l’8% e l’11% della unique reach e tra il 5% e il 10% della frequenza, senza impattare sulle metriche di Brand Lift.

Agli utenti, comunque, verrà offerta la possibilità di “skippare” la coppia di spot e optare per un ritorno al vecchio break pubblicitario (ossia, invece di un unico break con due spot, due diversi break con singoli spot).

Resta di fatto che l’affiancare più di un commercial in un’unica interruzione pubblicitaria avvicina parecchio l’offerta di YouTube a quella della TV tradizionale. Un avvicinamento che ormai da tempo è un obiettivo cui la piattaforma video sta puntando, interessata a raggiungere gli investimenti pubblicitari del piccolo schermo, e che trova conferma anche nel recente annuncio della disponibilità, sull’app, di film gratuiti con annunci pubblicitari.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.