Pinterest cresce nel Q3 2019 ma non soddisfa gli analisti

Pur mettendo a segno un aumento del fatturato del 47% e una crescita dell’utenza del 28%, il social non supera le aspettative di mercato. E il titolo cede a Wall Street

di Alessandra La Rosa
01 novembre 2019
pinterest

Non supera le attese del mercato la terza trimestrale 2019 di Pinterest. La società ha messo a segno un aumento del fatturato del 47% anno su anno, raggiungendo quota 280 milioni di dollari, al di sotto dei 282,1 milioni stimati dagli analisti. Risultato che non è piaciuto a Wall Street, dove il titolo del social network è crollato a oltre il -17% nelle contrattazioni after-hours.

Dal fronte degli utili, invece, Pinterest ha archiviato il trimestre con profitti pari a 0,1 dollari per azione rispetto a 0,4 dollari di perdite attese dal mercato.

Positiva anche la crescita dell’utenza: gli utenti attivi mensili a livello globale sono aumentati del 28% anno su anno, attestandosi a 322 milioni, e superando stavolta le attese del mercato (310,9 milioni). Tuttavia, la maggior parte degli utilizzatori del social dei “Pin” (e la parte a più rapida crescita) si trova al di fuori degli Stati Uniti, dove il ricavo per singolo utente è sensibilmente più basso. Per intenderci, il ricavo medio di un utente statunitense è di 2,93 dollari, mentre quello di un utente extra-US è di 0,13 dollari.

Pinterest sta vivendo comunque una importante fase di sviluppo della sua offerta. Nel corso del trimestre, ha portato le sue soluzioni pubblicitarie a un totale di 28 Paesi, rispetto ai 19 del Q2 2019: tra i nuovi mercato ci sono Cipro, Repubblica Ceca, Grecia, Ungheria, Lussemburgo, Malta, Polonia, Romania e Slovacchia. Inoltre, nel corso di quest’anno, ha abilitato la piattaforma Mobile Ads Manager in 19 Paesi.

La società ha inoltre aumentato il numero di soluzioni a disposizione dei brand, specialmente per quanto riguarda le funzioni di bidding, targeting e misurazione. Per quanto riguarda le prime, ha aggiunto ad agosto gli obiettivi di visualizzazione video; per le seconde, ha migliorato il retargeting dinamico, ampliato la disponibilità del targeting per età e lanciato il targeting per regione; sul fronte misurazione, infine, ha compiuto progressi nell’aiutare le aziende a integrare i Tag di Pinterest nei loro siti ecommerce.

Pinterest è presente da marzo anche in Italia con una squadra commerciale locale, e il numero di brand con cui sta lavorando è in crescita, come ci ha detto la COO della società in una recente intervista.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.