Pinterest chiude in positivo il 2019. Ora focus su pubblicità e ecommerce

In aumento i ricavi di Shopping Ads e diffusione e performance della soluzione di retargeting dinamico. E adesso il social punta a rendere la vita più facile ai brand con nuove soluzioni in cantiere

di Alessandra La Rosa
07 febbraio 2020
pinterest

Positiva fine d’anno per Pinterest. Il social network ha registrato nell’ultimo trimestre 2019 ricavi in crescita del 46% anno su anno sfiorando i 400 milioni di dollari. In aumento anche gli utenti attivi, a quota 335 milioni di persone al mese (+26%).

Buone anche le performance sul complessivo 2019, con il fatturato che ha superato per la prima volta il miliardo di dollari (1,1 miliardi), in aumento del 51% anno su anno.

«Siamo soddisfatti delle performance del nostro business nel Q4 e dei tanti traguardi che abbiamo raggiunto nel 2019 – ha commentato Todd Morgenfeld, CFO di Pinterest, in occasione della comunicazione della trimestrale -. Abbiamo reso scalabile il business fino a oltre 1 miliardo di ricavi annuali, visto crescere gli utenti attivi mensili a più di 300 milioni e aperto 21 nuovi mercati pubblicitari internazionali (Italia compresa, ndr). Non vediamo l’ora di sfruttare le opportunità davanti a noi mentre continuiamo a investire sui Pinner e sull’esperienza pubblicitaria».

A proposito di pubblicità, la società ha sottolineato di aver registrato una importante spinta dalle soluzioni pubblicitarie di ottimizzazione delle conversioni e dagli inserzionisti del mondo consumer packaged goods.

I ricavi da Shopping Ads sono più che raddoppiati nella seconda parte dell’anno rispetto al primo semestre, con un numero di inserzionisti attivi mensili che acquistano questi formati in aumento del 125%. Anche il prodotto di retargeting dinamico, arricchito nel corso del terzo trimestre, ha mostrato un aumento di diffusione e performance.

“Continuiamo a realizzare miglioramenti ai nostri prodotti pubblicitari, specialmente quelli video. Gli annunci video di lunghezza standard sono ora disponibili su desktop, e la creazione di contenuti video è ora molto più facile, dopo che abbiamo attivato la funzione ‘trim and crop’ sul nostro strumento PinBuilder”, spiega la società, aggiungendo: “Nel 2020 una delle nostre priorità è rendere la pubblicità su Pinterest più automatizzata e facile da utilizzare e adattare alle proprie esigenze. A tal fine, abbiamo recentemente lanciato il bidding automatico per obiettivi di traffico, progettato per consentire ai brand di spendere l’intero budget sulla nostra piattaforma al minore cost per click possibile”.

Quanto ai progetti futuri, Pinterest continuerà a spingere l’acceleratore sull’ecommerce, con il lancio nei prossimi mesi del Pinterest Verified Merchants Program, un programma di certificazione per i brand che consentirà agli utenti di riconoscere i venditori che rispettano le linee guida del social. Il progetto, in una fase iniziale, sarà dedicato solo ai brand di moda e home décor. Le aziende certificate potranno beneficiare anche di una soluzione di reportistica per il volume di merce lordo (GMV – gross merchandise volume) che verrà rilasciata in primavera.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial