#fightforlight, la nuova campagna social di Dompé. Firma il video Gabriele Mainetti

Il cortometraggio, ideato da Saatchi & Saatchi, è parte di un impegno costante che vede la ricerca dell’azienda concentrata nell’individuazione di soluzioni terapeutiche innovative per le patologie rare

di Caterina Varpi
21 febbraio 2017
dompe-video-2017

Dompé, in occasione della Giornata mondiale delle malattie rare, ha presentato il video “In the Woods”, nell’ambito della campagna social #fightforlight.

È Gabriele Mainetti, regista di Lo chiamavano Jeeg Robot, a dare un volto a quanti soffrono di malattie rare degli occhi. Per queste persone, la strada per “ritrovare la luce” è complicata: momenti di sconforto, stanchezza, difficoltà, vie impervie che possono rivelarsi sbagliate. Proprio come accade al protagonista, che si destreggia tra lo sgomento, la fatica e lo smarrimento di un bosco a lui sconosciuto, alla ricerca della luce.

I raggi di una prospettiva di speranza sono metaforicamente rappresentati da un risveglio che, l’indomani, inonda di luce il volto del protagonista. “Any advance in research is a ray of hope” (Ogni progresso in ricerca è un raggio di speranza): questo il messaggio che chiude il video, a ricordare che la ricerca può rappresentare un’arma capace di sconfiggere l’oscurità della malattia.

Il cortometraggio – ideato dall’agenzia Saatchi & Saatchi con la regia di Roberto Saku Cinardi e la produzione di Think Cattleya – è parte di un impegno costante che vede la ricerca Dompé concentrata nell’individuazione di soluzioni terapeutiche innovative per le patologie rare (leggi l’articolo sul video ideato nel 2015).

“Con questa campagna vogliamo continuare a dare forza a un percorso che ha come obiettivo quello di contribuire a far luce sul mondo dei pazienti affetti da malattie rare e sui loro bisogni di salute”, spiega Eugenio Aringhieri, Ceo del Gruppo Dompé. “La ricerca di nuove prospettive terapeutiche rappresenta una parte importante di questo mondo. Una sfida lunga e complessa che per certi versi evoca l’esperienza vissuta dal protagonista del video. Sfida che sono convinto debba essere combattuta in squadra, riunendo le diverse prospettive intorno a un unico obiettivo: il Paziente”.

“È con senso di responsabilità che la nostra azienda ha intrapreso la strada della ricerca nelle malattie rare, ed è con lo stesso spirito che sosteniamo e promuoviamo iniziative di sensibilizzazione in questo ambito”, afferma Sergio Dompé, Presidente del Gruppo Dompé. “Si tratta di un mondo ancora oggi poco conosciuto, per cui è necessario continuare a fare ricerca e fare informazione sul valore e il beneficio che questa può portare nella vita delle persone”.

Il video, che si accompagna all’hashtag #fightforlight per la condivisione in rete e sui social, è visualizzabile sul canale Youtube Dompé, insieme ad altri contenuti di backstage legati alla campagna.

Credits

  • Agency: Saatchi & Saatchi
  • Executive Creative Director: Agostino Toscana
  • Creative Director: Alessandro Orlandi, Manuel Musilli
  • Art Director: Alessandro Orlandi
  • Senior Copywriter: Antonio Di Battista
  • Account Manager: Carola Canossi
  • TV Producer: Erica Lora Lamia
  • Director: Roberto Saku Cinardi
  • Dop: Giuseppe Favale
  • Screenwriters: Luca Speranzoni, Antonio Di Battista
  • Editor: Marcello Saurino
  • Music & Sound design: Guido Smider e Michele Caiati
  • Production: Company Think Cattleya
  • Producer: Martino Benvenuti
  • PR & Digital Agency: APCO Worldwide

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.