Facebook: regole più severe per le inserzioni pubblicitarie nei Paesi con elezioni nel 2019

Ad essere coinvolti saranno UE, India, Nigeria e Ucraina a cui saranno estese le norme sugli spot elettorali che sono state messe a punto per evitare interferenze nel voto introdotte in Usa

di Caterina Varpi
16 gennaio 2019
Facebook-privacy

Facebook introdurrà regole più severe per le inserzioni pubblicitarie politiche sul social network nei Paesi in cui nel 2019 si terranno le elezioni, in modo da evitare la diffusione di fake news nate per influenzare l’esito delle consultazioni. Ad essere coinvolti saranno l’Unione europea, India, Nigeria e Ucraina a cui saranno estese le norme sugli spot elettorali che sono state messe a punto per evitare interferenze nel voto introdotte in Usa lo scorso anno in seguito al Russiagate e in altri Paesi. Lo riporta la Reuters che ha intervistato due manager della società.

A partire da oggi in Nigeria, dove il 16 febbraio si terranno le elezioni presidenziali, solo le persone che dimostrano di risiedere nel Paese potranno pubblicare inserzioni elettorali.

Stessa cosa da febbraio in Ucraina, che andrà alle urne il 31 marzo. In India, al voto in primavera, gli spot elettorali e i loro acquirenti saranno inseriti in un archivio online consultabile che sarà conservato per sette anni. Un sistema simile, già adottato in Uk e Brasile, verrà attivato anche in Europa in occasione delle elezioni europee di maggio.

Tra gli altri appuntamenti dell’anno vi sono le elezioni in Australia, Indonesia, Israele e Filippine, per le quali Menlo Park non ha ancora stabilito con quali mezzi intervenire.

Facebook ha scelto di applicare regole differenti nelle varie aree geografiche in modo da adattarsi meglio alle legislazioni locali, sottolineando che le nuove norme sono il frutto del confronto nato con i diversi gruppi governativi. Menlo Park punta comunque alla realizzazione di strumenti di monitoraggio che possano essere applicati su scala globale e che dovrebbero essere introdotti a giugno.

Le nuove politiche di Facebook sono un effetto del Russiagate, cioè dell’inchiesta sulle presunte interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali che hanno portato Donald Trump alla Casa Bianca a fine 2016.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.