Facebook annuncia nuovi strumenti per il controllo della privacy

La società punterà a rendere visibili in un solo posto tutti gli strumenti per il controllo della privacy, offrirà la possibilità di cancellare vecchi contenuti e modificherà il processo di download dei propri dati

di Caterina Varpi
28 marzo 2018
Facebook-privacy

Facebook metterà a disposizione degli utenti nuovi strumenti per il controllo della privacy, cercando di reagire alla bufera del caso Cambridge Analytica (leggi l’articolo).

In un blog post dal titolo “È il momento di rendere i nostri strumenti per la privacy più facili da trovareErin Egan, VP and Chief Privacy Officer, Policy, e Ashlie Beringer, VP and Deputy General Counsel, introducono alcune novità e alcuni cambiamenti che permetteranno alle persone di gestire il modo più semplice i propri dati personali sulla piattaforma. In particolare il social network punterà a rendere chiari e visibili in un solo posto tutti gli strumenti per il controllo della privacy, offrirà la possibilità di cancellare definitivamente vecchi contenuti e renderà più veloce e dinamico il processo di download della propria storia.

Innanzitutto, è stato ridisegnato il menu delle impostazioni sulla privacy, che saranno raggruppate in un unico luogo riservato alle informazioni personali, con un design che rende più facile la lettura. Nell’area, dal nome Privacy shortcut, si potrà vedere quali post sono stati commentati o pubblicati e decidere se cancellarli. Sarà anche presente la sezione Ad preferences, in cui Facebook spiegherà quali dati sono usati a scopo pubblicitario, permettendo di scegliere tra diverse opzioni per la gestione di questo tipo di informazioni. Nella sezione sulle impostazioni sulla privacy ci sono anche le info sulla visibilità dei post e la possibilità di attivare un’autenticazione con un’ulteriore verifica oltre a password e e-mail.

Tra le novità più significative c’è Access Your Information, in cui si ha l’accesso diretto ai contenuti, divisi per tipologia, come post, reazioni e commenti, dove si può esplorare ciò che è visibile su Facebook e decidere di cancellarlo. I dati potranno essere scaricati in pochi clic e si potrà scegliere se chiedere solo quelli relativi a post, a foto e ai Mi piace.

La nota, inoltre, anticipa che nelle prossime settimane ci saranno delle modifiche anche per quanto riguarda i termini di servizio e le politiche sui dati e la trasparenza.

Tutte le novità saranno rese disponibili in tutto il mondo nelle prossime settimane.

Intanto Menlo Park, sotto pressione sul fronte della privacy, rimanda il lancio di alcuni prodotti che dovevano essere presentati all’F8, la conferenza di Facebook dedicata agli sviluppatori, in programma a maggio. Secondo Bloomberg, infatti, è stato, infatti, posticipato il debutto degli smart speaker, assistenti per la casa pensati in risposta a Amazon Echo, Google Home, che ha debuttato ieri sul mercato italiano, e HomePod di Apple.

Il caso Cambridge Analytica, infine, continua a pesare negativamente anche sulla borsa: dopo il nuovo crollo di ieri, 27 marzo, con un -4,9%, le azioni di Facebook si avviano a chiudere il peggior mese borsistico da quasi cinque anni, riporta Il Sole 24 Ore. In otto giorni di contrattazioni i titoli hanno perso quasi un quarto del loro valore (-22%), bruciando oltre 100 miliardi di dollari di capitalizzazione.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.