Facebook lancia la nuova app “Nearby friends”. Escluso l’uso dei dati per l’adv

Il servizio che rende possibile ricevere una notifica se gli amici si trovano nei paraggi sarà introdotto gradualmente nel corso delle prossime settimane

di Teresa Nappi
18 aprile 2014
facebook_nearby friends

Facebook lancia una nuova applicazione. Fedele al proprio desiderio di connettere tutte le persone di questo mondo, il social network capitanato da Mark Zuckerberg si doterà presto a livello globale di un software che permette di ricevere una notifica se gli amici si trovano nei paraggi.

Con il nuovo strumento “Nearby friends” il social network intende puntare ancora di più sulle interazioni tra persone, non solo online ma anche nel mondo reale. E lo fa grazie anche a un giovane italiano: Andrea Vaccari, diventato product manager nel colosso di Menlo Park, California, dopo che il gruppo ha acquisito nel 2012 Glancee, la app da lui co-fondata e di cui era amministratore delegato. È da quell’applicazione che nasce il nuovo servizio targato Facebook, che verrà introdotto gradualmente nelle prossime settimane. Gli iscritti al social network di Mark Zuckerberg riceveranno una messaggio che inviterà all’attivazione, che è opzionale. Utilizzando il servizio si darà il permesso al gruppo di Menlo Park (California) di essere localizzati in qualsiasi momento, anche quando non si è fatto il log-in su Facebook.

Un minimo di privacy è comunque garantita, prima di tutto dal fatto che non viene visualizzata una mappa con il luogo in cui un utente si trova. Si riceve invece un messaggio che recita più o meno “Andrea Vaccari e 5 altri amici sono nelle vicinanze”. Inoltre, come spiega il product manager di Facebook sul blog della società, si può scegliere chi può vedere se si è nei dintorni. Il servizio inoltre può essere acceso o spento in ogni momento.

Il sistema consente dunque, stando a quanto riportato nel blog di Fb, soltanto di condividere informazioni su una zona e di gestire tali informazioni. Come riportato dalla stampa internazionale, per ora è fuori discussione l’utilizzo di tali dati a scopi pubblicitari per veicolare annunci promozionali basandosi sulle coordinate GPS.

Per ora dunque l’applicazione vuole essere solo un tool in più nelle mani degli utenti, anche se i dubbi restano leciti vista una domanda sempre più insistente di dati da parte del mercato pubblicitario.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.