Facebook: i social media sono un’opportunità per le aziende Pharma

Valerio Perego, Responsabile Farma, Largo Consumo e Distribuzione di Facebook, racconta quali sono gli aspetti principali da tenere in considerazione per la comunicazione sui social da parte delle realtà attive in ambito Salute

di Caterina Varpi
04 giugno 2018
Valerio Perego
Valerio Perego

I consumatori utilizzano sempre più i canali digitali per accedere a informazioni e reperire prodotti e servizi legati alla salute e al benessere. L’intera filiera dell’health è di fronte a nuova era che potrà stravolgere gli attuali assetti.

Il settore è in forte cambiamento anche per quanto riguarda la comunicazione: fino a poco tempo fa le aziende del Pharma non potevano fare pubblicità sui social network, dove gli utenti si informano sempre di più. Inoltre, su queste piattaforme sono sempre più numerosi i gruppi su tematiche legate alla salute, in cui le persone si confrontano e trovano sostegno per affrontare le proprie patologie.

Questo scenario apre numerose opportunità alle aziende di questo ambito per comunicare con il proprio target, intervenire negli spazi di discussione e fare engagement.

«Nel comunicare sui social network le aziende del settore Pharma devono tenere in considerazione diversi aspetti – spiega a Engage Valerio Perego, Responsabile Pharma, Largo Consumo e Distribuzione di Facebook. – Il primo è quello di audience: i consumatori frequentano giornalmente questi canali. In questo il mobile ha un ruolo fondamentale e ha cambiato, in generale, il modo in cui vengono usati i diversi media. Altri ruoli chiave per l’efficacia della comunicazione sono quelli della creatività e della misurazione. Innanzitutto vanno misurati i reali obiettivi di business, se si è colpito o meno il target e con quale dimensione, poi il sentiment, considerando a quali risultati ha portato la comunicazione in termini di brand awarness, propensione all’acquisto ad recall, e infine, il ritorno sull’investimento, sia per l’online sia per l’offline. Le aziende devono avere la capacità di evolvere per utilizzare in modo corretto questo strumento».

In ambito salute, sul social network sono presenti numerose community che «testimoniano del ruolo che ha Facebook nella condivisione di esperienze e informazioni. Sulla piattaforma si possono creare Gruppi in cui entrare in contatto con persone che soffrono delle stesse patologie per confrontarsi e sostenersi». Le aziende possono anche in questo caso aprire Gruppi e guidare la conversazione tra gli utenti, entrando in contatto con i giovani ma anche i meno giovani che sono presenti su Facebook.

Queste tematiche sono state trattate dal manager durante un workshop al Netcomm Forum dal titolo Pharma & Health 2.0.

In questo contesto, Facebook ha collaborato con il Ministero della Salute per cambiare le linee guida per la pubblicità su Facebook, Instagram e Youtube accanto ad aziende ed associazioni di settore.

«Prima di febbraio 2017 non era possibile per un’azienda del settore Pharma fare pubblicità su Facebook – spiega Perego. – La nostra società ha dialogato con il Ministero della Salute per aggiornare la regolamentazione in questo ambito. Ora le realtà di questa categoria possono creare Pagine sul social network e fare pubblicità sia su Facebook sia su Instagram. Si tratta di informazioni pubblicitarie verificate dal Ministero e che non possono essere commentate con frasi o reaction. Su Instagram, invece, gli annunci possono comparire tramite il formato delle Stories, che non prevede l’uso di commenti da parte delle persone».

Infatti, secondo le norme rilasciate dal Ministero della Salute, le informazioni contenute nei messaggi pubblicitari diffusi sui social non possono essere alterate attraverso le funzioni di interattività, per evitare che i dati contenuti nel messaggio vengano alterati.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.