• Programmatic
  • Engage conference

16/09/2019
di Caterina Varpi

Mesauda Milano sceglie TheGoodOnes per i social network

L’obiettivo per l’agenzia specializzata in social marketing è quello sviluppare una nuova content strategy per i social capace di comunicare la ricerca e la qualità dei prodotti make-up del brand

thegoodones-mesauda-milano.jpg

Mesauda Milano affida a TheGoodOnes la gestione dei social network, dopo aver scelto l'agenzia per Mesauda Professional. L’obiettivo per la realtà specializzata in social marketing guidata da Marco Marozzi e Stefano Rho, è quello sviluppare una nuova content strategy per i social capace di comunicare la ricerca e la qualità dei prodotti make-up labbra, occhi, viso e unghie. Fare della bellezza un diritto fondato sull’arte dell’estetica e sul rispetto della salute e dell’unicità di ciascuno: sono i valori di Mesauda Milano, spiega il comunicato stampa, realtà attiva nel mondo beauty e make-up. Principi che si concretizzano nella ricerca di qualità nell’innovazione, in un’attenzione estrema a ogni singola fase del processo produttivo e in una dedizione responsabile al lavoro quotidiano, portato avanti con impegno. TheGoodOnes si occuperà dello sviluppo di una strategia di contenuto con l'obiettivo di comunicare creativamente i valori del brand puntando su Instagram e Facebook. Amit Buaron, ceo di Mesauda Milano, spiega: “Dopo l’esperienza positiva con Mesauda Professional, abbiamo affidato a TheGoodOnes anche Mesauda Milano. Assieme all’agenzia vogliamo esplorare una strategia di contenuto che bilanci gli still-life di prodotto con quel forte impatto visuale necessario su Instagram e indossati reali, a testimoniare la qualità dei risultati dei prodotti Mesauda Milano”. Marco Marozzi, ceo e strategic planner di TheGoodOnes, racconta: “La content strategy di Mesauda Milano è costruita sulla social proposition Goditi la tua femminilità che si declina ogni mese con un trend specifico realizzato con una produzione fotografica in-house e interpretato dai contenuti prodotti da circa 15 Creators e 15 UGC che coordiniamo direttamente”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI