• Programmatic
  • Engage conference

07/04/2020

Google e Twitter aggiornano le regole per gli annunci legati al Coronavirus

Con l'evoluzione della situazione globale, le due società stanno modificando le policy riguardo alla pubblicità correlata all'epidemia

Google e Twitter allentano il divieto alla pubblicità che include messaggi relativi alla pandemia di coronavirus. Le due società, entrambe fortemente dipendenti dal business pubblicitario, da marzo avevano totalmente vietato la pubblicità che menzionava il "coronavirus" per paura di diffondere disinformazione sulle loro piattaforme, basando questi blocchi principalmente su sistemi di filtraggio automatizzato. Ora tuttavia, con l'evoluzione della situazione globale, le due società stanno aggiornando le loro policy a riguardo. Come riporta AdAge, Twitter consentirà ora agli inserzionisti di comunicare le loro risposte alla pandemia utilizzando tweet a pagamento. Sarah Personette, head of client di Twitter, ha affermato che "i messaggi che i marchi e le aziende possono fornire al mondo ... verranno accolti positivamente". Per quanto riguarda Google, nota il quotidiano americano, un cambio di rotta rispetto alla pubblicità legata al coronavirus è arrivato dopo le denunce dei politici democratici statunitensi, che hanno affermato che il divieto bloccherebbe le critiche al presidente Donald Trump sulla sua gestione della pandemia. Un portavoce di Google ha dichiarato: "Man mano che la situazione di Covid-19 si evolve, siamo sempre più impegnati a garantire la protezione degli utenti, dando priorità alle informazioni rilevanti. Stiamo ora cercando soluzioni per far veicolare una quantità limitata di annunci relativi al Covid-19 da parte di ospedali, fornitori di servizi medici, entità governative e organizzazioni non governative".

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI