• Programmatic
  • Engage conference

20/06/2018
di Alessandra La Rosa

Facebook, su Messenger arrivano gli spot

Gli annunci video appariranno nella schermata dei messaggi in arrivo, dove erano già ospitati gli Sponsored Post, e partiranno automaticamente quando un utente scorre sopra di essi

Facebook continua a spingere sulla monetizzazione di una delle sue property ancora poco affollata di pubblicità: l'app Messenger. Sul programma di messaggistica, infatti, arriva per la prima volta la pubblicità video. La novità è stata annunciata dal social network in occasione del Festival della Creatività Internazionale di Cannes. Gli annunci video su Messenger appariranno nella schermata dei messaggi in arrivo, dove le persone visualizzano la lista delle chat avviate con amici e altri contatti, e dove già era possibile trovare i formati Sponsored Post. Gli spot partiranno automaticamente quando un utente scorre sopra di essi, ed avranno l'aspetto degli stessi formati video già presenti sulla bacheca di Facebook o su Instagram. Messenger è un contenitore pubblicitario relativamente nuovo per Facebook: i primi annunci sull'app, infatti, risalgono a solo un anno fa. Quanto alla pubblicità video, gli spot in autoplay hanno fatto il loro debutto sulla bacheca di Facebook nel 2014, a cui si sono poi aggiunti da quest'anno i primi pre-roll ospitati all'interno di contenuti video caricati sulla piattaforma, come quelli prodotti da media partner all'interno della nuova sezione Watch. Gli spot su Messenger saranno acquistabili all'interno di pacchetti di campagne pianificate su Facebook. Questo significa che non sarà possibile diffondere una campagna esclusivamente sull'app di messaggistica. I primi spot hanno iniziato ad essere erogati questa settimana.

Facebook, novità per i creatori di contenuti

Intanto, sempre oggi Facebook ha annunciato anche altre novità, dedicate ai creatori di contenuti: dal lancio ufficiale di Brand Collabs Manager, il motore di ricerca per mettere in contatto le aziende con gli influencer più adatti alle loro campagne (ne avevamo parlato in questo articolo), a nuove funzionalità per i video interattivi e all'apertura, anche ai creator, del contenitore video Watch.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI