• Programmatic
  • Engage conference

29/08/2017
di Simone Freddi

Facebook, stop agli ads per le pagine che diffondono fake news

Nuova iniziativa del social per arginare il proliferare di "bufale" sul news feed: le pagine che le diffondono non potranno più promuoversi sulla piattaforma

L’ultima iniziativa di Facebook contro il dilagare delle “fake news” riguarda la pubblicità. La compagnia ha, infatti, annunciato un inasprimento del regolamento stabilendo che, nel caso di reiterata pubblicazione di false notizie, a una pagina che promuove “bufale” verrà tolta la possibilità di acquistare pubblicità sul social network con il fine di incrementare la propria audience. Solo nel momento in cui la pagina smetterà di pubblicare notizie false, le sarà possibile tornare a inserire banner pubblicitari. Già in precedenza, Facebook aveva introdotto il blocco dei post sponsorizzati diretti ad articoli contrassegnati come “falsi” da osservatori terzi; ora con questo nuovo giro di vite, la compagnia spera di rendere più efficace la sua "battaglia" contro il diffondersi delle fake news, iniziata circa un anno fa dopo la campagna elettorale che ha portato all’elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti. La riduzione degli incentivi economici alla produzione di notizie false è una delle tre aree su cui si concentra la strategia della società guidata da Marz Zuckerberg in questo campo. Le altre due, spiega la stessa Facebook sul blog, sono lo sviluppo di software specifici pensati per limitare la circolazione di tali contenuti e iniziative per rendere gli utenti più informati.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI