• Programmatic
  • Engage conference

10/12/2019
di Cosimo Vestito

La classifica dei tiktoker italiani con più follower e più interazioni nel 2019

L'Osservatorio sull’Influencer Marketing di Buzzoole ha stilato due classifiche degli utenti della piattaforma più popolari nel nostro Paese. Intanto le aziende inserzioniste guardano al social con curiosità ma anche con cautela

TikTok_Buzzoole_Engagement.png

È il fenomeno social del 2019 che ad oggi conta 800 milioni di utenti iscritti in tutto il mondo, di cui ben 2,4 milioni di italiani, che lo usano per 35 minuti al giorno: è TikTok. La sua crescita ha attirato l’attenzione sia di influencer già noti altrove, sia di brand desiderosi di intercettare la sfuggente Gen Z, quella tra i 16 e i 24 anni, che qui ha trovato il suo habitat ideale (con un 65% di utenti donne). Con lo strumento d’analisi Discovery, l’Osservatorio sull’Influencer Marketing di Buzzoole ha stilato due classifiche dei migliori tiktoker italiani del 2019: una considerando il numero dei follower e l’altra l’engagement per post, ossia il numero di interazioni medie per contenuto pubblicato durante il 2019.

I tiktoker italiani con più follower

Nella classifica per follower la medaglia d’oro va a Luciano Spinelli che con i suoi 7,1 milioni di seguaci è l’influencer più seguito di TikTok. Il suo successo, come quello degli altri creator sul podio, nasce su Musical.ly, piattaforma comprata da ByteDance e poi confluita nel nuovo social. I lipsync da lui prodotti non si caratterizzano per montaggi o effetti complessi, come avviene in altri casi, ma risultano molto naturali. TikTok-Buzzoole-follower La medaglia d’argento la condividono le gemelle Cassandra e Melissa con il loro account da 5,6 milioni di follower Kessy&Mely, un successo ottenuto con balletti, sorrisi e scherzi. Bronzo per Marco Cellucci che con la sua contagiosa energia è arrivato ad avere 5,5 milioni di follower. Le ultime posizioni sono occupate da due ex-muser: Virginia Montemaggi, con 4,5 milioni di seguaci, e Elisa Maino, con 4,3 Milioni di follower e rientrata anche nella classifica di Buzzoole dei top fashion influencer italiani.

I tiktoker italiani che generano più interazioni

Nella classifica per engagement al primo posto svetta l’account Lapresatwins gestito dai due fratelli Nicholas e William. I due gemelli nel tempo hanno conquistato 1,2 milioni di follower e 300 mila interazioni per post affrontando insieme le diverse “challenge” proposte dalla rete. Al secondo posto spicca un profilo insolito per TikTok, si tratta del pittore Marco Grassi, già noto su Instagram, che propone un’arte iperrealista in grado di generare 260 mila interazioni medie. TikTok-Buzzoole-Engagement Sul gradino più basso del podio c’è Alessandro Scarpa, conosciuto come er.gennaro, le cui video-storie sono caratterizzate dalla presenza di un effetto “slow motion” che sottolinea i momenti topici. Con esse riesce a totalizzare in media 237 mila interazioni. Al quarto posto rispunta Luciano Spinelli, re della classifica dei tiktoker con più follower. L’ultimo posto è occupato da Ottavia De Vivo che genera 169 mila interazioni medie con video spesso incentrati sulla sua lunga chioma di capelli.

Le tendenze di TikTok in Italia

“TikTok sta avendo successo tra la generazione Z perchè è un app-specchio”, dichiara Vincenzo Cosenza, Head of Marketing di Buzzoole, “In pratica la videocamera dello smartphone è come lo specchio che hanno nella loro cameretta, che serve a mettere a fuoco la propria identità e a mettere in mostra le proprie qualità artistiche ad un pubblico più o meno ampio”. Su TikTok gli utenti italiani prediligono i profili che riescono a generare un’empatia e una vicinanza attraverso video divertenti, basati su lipsync, balli e scherzi. Il driver dell’engagement è l’intrattenimento e non tanto, come accade più di frequente su Instagram, l’interesse verso una specifica tematica (moda, bellezza, viaggi). Inoltre su TikTok, più che le celebrità, la tendenza prevalente è seguire ragazzi della propria età (tra i 16 e i 20 anni) che diventano famosi per la loro capacità di sfruttare al meglio i numerosi elementi creativi che la piattaforma mette a disposizione, anche aiutati da un algoritmo che premia profili che non hanno tanto séguito. Sul versante aziende si registra curiosità, ma molta cautela. Alcune realtà più intraprendenti hanno aperto un proprio profilo, ma al momento la maggior parte dei brand preferisce comprare spazi pubblicitari nativi per saggiare le acque (video o challenge) o sperimentare campagne di influencer marketing.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI