Merry Z-Mas: guida all’acquisto natalizio secondo la GenZ

ZooCom fa un’analisi di come acquista i regali di Natale la Generazione Z

di Greta Santi, Creative Strategy Manager di ZooCom
16 dicembre 2019
2019_Logo NEWZ_ZooCom

Il ritorno di Michael Bublè e Mariah Carey ha fatto emergere in noi una domanda: come acquista i regali di Natale la Generazione Z?

Sarebbe naturale pensare che queste “creature mitologiche” (metà umani e metà smartphone) acquistino regali per amici e parenti con una rapida ricerca online e qualche “tap”…

L’acquisto avviene online? No!

Solo il 7,5% dei rispondenti ha dichiarato di acquistare regali di Natale online. Al contrario, ben il 37,3% compra direttamente nei punti vendita. La maggior parte (il 54%) ha dichiarato di effettuare i propri acquisti sfruttando entrambe le sfere. Perché si sa, gli smartphone sono prolungamenti naturali dei loro corpi!

 

La Generazione Z non rinuncia all’atmosfera natalizia

L’acquisto online rappresenta sempre una comodità in termini di risparmio di tempo e di soldi, permette inoltre di ottimizzare i tempi di ricerca e di confrontare prodotti e servizi diversi.

Ma, a dicembre, l’acquisto offline soddisfa le necessità della generazione più experience driven di sempre: immergersi nella magia del Natale.

Non più bambini, non ancora adulti, i giovani della GenZ si lasciano incantare da luci e vetrine addobbate mentre respirano l’atmosfera natalizia in giro per negozi con gli amici.

I reali si pagano cash!

La tanto attesa tredicesima per la Generazione Z è rappresentata dalla paghetta o da una “donazione” da parte di genitori/nonni che solitamente viene concessa in contanti. Il metodo di pagamento impone quindi che l’acquisto venga effettuato in punto vendita (solo il 3% ha dichiarato di acquistare in contanti alla consegna di un ordine online).

Inoltre, la scelta della sfera entro cui effettuare l’acquisto è influenzata anche dalla tipologia di regalo.

Ben il 73% ha dichiarato che fra i propri acquisti di Natale saranno presenti capi di abbigliamento, per cui “toccare il prodotto con mano” è un’esigenza imprescindibile per effettuare l’acquisto in punto vendita.

Cosa differenzia l’approccio della Generazione Z dalle altre?

Risalendo il funnel ritroviamo le caratteristiche tipiche della generazione iperconnessa: il processo parte comunque online. Motori di ricerca, e-commerce, social media e influencer permettono ai ragazzi di ispirarsi, cercare prodotti, controllare le recensioni, così da arrivare preparati al momento dell’acquisto.

Una sola esigenza

Qualsiasi siano le motivazioni che spingono all’acquisto online piuttosto che offline, la vera esigenza è una: trovare tutto ciò che cercano in un unico luogo, reale o virtuale che sia. Infatti, chi ha dichiarato di acquistare online acquista prevalentemente su Amazon, il cui corrispettivo, per chi ha dichiarato di acquistare offline, è il centro commerciale.

Engage nella tua e-mail. Gratis, ogni giorno

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial