Zenith: la spesa pubblicitaria nell’healthcare crescerà del 3,6% nel 2019

Raggiungerà i 36 miliardi di dollari e aumenterà della stessa percentuale nel 2020 a livello globale. In Italia, dove la tv ha ancora un ruolo primario, il settore registra una crescita moderata

di Caterina Varpi
02 settembre 2019
healthcare-ok

Secondo le previsioni dell’Healthcare Advertising Expenditure Forecasts di Zenith, la spesa pubblicitaria globale dei Brand attivi nel mercato dell’healthcare crescerà del 3,6% quest’anno, fino a raggiungere i 36 miliardi di dollari, e aumenterà della stessa percentuale nel 2020. Il report è stato realizzata in tredici Paesi chiave in tutto il mondo: Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Italia, Russia, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Questi mercati rappresentano il 78% della spesa pubblicitaria globale in tutte le categorie e sono rappresentativi delle tendenze a livello globale. Le previsioni si basano sugli Advertising Expenditure Forecasts di Zenith e sono pubblicate in collaborazione con Publicis Health Media, agenzia dello stesso network di Zenith.

La pubblicità nell’healthcare sta crescendo a un ritmo più lento rispetto alla pubblicità nel suo complesso, che dovrebbe salire del 4,8% nel 2019 e del 4,3% nel 2020 negli stessi tredici mercati presi in considerazione dallo studio. Gli elevati costi della ricerca e la costante pressione al ribasso sui prezzi stanno ostacolando il business dei medicinali soggetti a prescrizione medica e limitando la spesa pubblicitaria delle grandi aziende sanitarie.

Questa situazione inizierà a cambiare quando l’invecchiamento della popolazione globale, un trend in crescita, porterà all’aumento della domanda di assistenza sanitaria combinata con quella di nuovi prodotti e servizi da banco; quest’ultimi potranno quindi ampliare la propria offerta. Quanto appena detto sarà possibile grazie allo sviluppo di nuove tecnologie come per esempio il monitoraggio dei dati personali, la telemedicina e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale in ambito medico.

Italia: l’healthcare cresce. La tv ha un ruolo primario

Il report svela che nel 2018 l’healthcare, con il 6,6% del mercato, è stato il quarto settore in Italia e prevede che le aziende di questo ambito continueranno ad investire registrando una crescita moderata all’anno (fonte Nielsen).

Il mercato dell’healthcare è un mondo guidato dall’innovazione di prodotto dove efficaci campagne di Brand awareness, realizzate rapidamente, sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi di comunicazione aziendali.

Tra i mezzi di comunicazione, la televisione ha un ruolo primario (circa il 70%) nella spesa pubblicitaria sanitaria e continuerà ad essere un mezzo importante grazie alla sua capacità di raggiungere un pubblico ampio in breve tempo e di catturare l’attenzione dei potenziali clienti grazie ai vantaggi della videocomunicazione.

Oltre alla pubblicità in Tv, nel mondo offline le raccomandazioni specialistiche (di medici, farmacisti, ecc.) mantengono ancora un ruolo centrale nella decisione di acquisto.

I media digitali verranno utilizzati strategicamente: il customer journey, infatti, sta diventando sempre più digitale, soprattutto nelle fasi di informazione, valutazione e confronto dei prodotti. L’online continuerà quindi a crescere costantemente fino a rappresentare il 18% della spesa totale per l’healthcare nel 2021.

“Il mondo dell’healthcare sta migrando dal modello induttivo-deduttivo a modelli predittivi. Questo cambiamento sposa perfettamente la trasformazione del mondo media che con l’introduzione del machine learning sta decisamente trasformando l’approccio e si riflette sul modo con cui Zenith supporta i Brand nell’healthcare” commenta Andrea Di Fonzo, Ceo di Zenith Italy.

Andrea-Di-Fonzo-Zenith
Andrea Di Fonzo

Stati Uniti e la Cina dominano la spesa nell’healthcare

I leader nella spesa pubblicitaria nel mondo healthcare sono gli Stati Uniti e la Cina, che insieme hanno rappresentato l’86% della spesa nel 2018, rispettivamente con 15,9 miliardi di dollari e 14,4 miliardi di dollari.

Tutti gli altri Paesi hanno invece totalizzato meno di 1 miliardo di dollari. In alcuni mercati i tipi di prodotti e servizi sanitari che possono essere pubblicizzati sono soggetti a limitazioni, così come i media hanno delle restrizioni in merito ad immagini e testi da utilizzare. La spesa nell’healthcare è, quindi, molto più bassa di quanto ci si potrebbe aspettare, viste le dimensioni dell’investimento adv complessivo in mercati come Brasile, Francia, Germania, Corea del Sud e Regno Unito.

Negli Stati Uniti gli investimenti nel settore sono cresciuti ad un tasso medio del 6% all’anno tra il 2013 e il 2018, un dato in parte trainato dalla forte crescita della pubblicità televisiva dei farmaci da prescrizione. Si prevede un lieve rallentamento della spesa, per una situazione critica in merito al controllo dei prezzi dei farmaci soggetti a prescrizione, con un incremento del 6% nel 2019 seguita da un aumento del 5% nel 2020 e nel 2021, dove la rilevante crescita su Internet compensa la lenta erosione del mezzo televisivo.

L’India è il mercato con la crescita più rapida che ha registrato un incremento medio del 26% all’anno tra il 2018 e il 2021. Il secondo Paese con la crescita più rapida è il Brasile con un +9% all’anno.

I budget televisivi si stanno spostando all’Ooh e all’online

Rappresentando il 54,7% della spesa nel 2018, la TV è il mezzo più importante per l’healthcare, un dato superiore rispetto alla quota che il mezzo televisivo registra (30,8%) nel mercato pubblicitario globale. La spesa in TV è tuttavia diminuita del 3,1% nel 2018 e nel 2019 si prevede una riduzione del 4,6% che salirà a 5,2% sia nel 2020 che nel 2021. Questa decrescita è più rapida del calo della spesa pubblicitaria televisiva nel mercato nel suo complesso: -1,0% all’anno. La media inflation e le stime in calo nei mercati chiave stanno spingendo i Brand dell’healthcare ad investire in altri mezzi: Ooh e online.

Quest’anno l’Ooh rappresenterà il 4,0% della spesa pubblicitaria nell’healthcare, rispetto al 6,4% del budget adv globale. Con l’evoluzione della tecnologia questa situazione è destinata a cambiare rapidamente: la spesa pubblicitaria dell’Ooh è cresciuta dell’11% nel 2018 e si prevede che crescerà del 15% nel 2019.

Il principale competitor del mezzo televisivo è Internet che ha rappresentato il 34% della spesa sanitaria nel 2018. Il budget adv nel settore sulla rete è cresciuto del 16% nel 2018 e si prevede la medesima crescita per il 2019. Nel 2021 invece, Internet supererà la televisione per diventare il principale mezzo di pubblicità conquistando il 46% di tutta la spesa nel settore.

La stampa quotidiana, con un più 6% nel 2018, è un mezzo affine al mondo healthcare e si ipotizza nei prossimi anni una crescita fino a raggiungere il 17% nel 2021. Un dato in contrasto con il declino annuale del 5% della spesa pubblicitaria stampa globale. Dietro questa anomalia c’è la rapida ascesa dell’India. Escludendo il Paese asiatico, l’adv per il mondo della sanità sulla stampa dovrebbe scendere dal 2,1% nel 2018 all’1,6% nel 2021.

Le tendenze del marketing dell’healthcare

È difficile e costoso lanciare sul mercato nuovi medicinali a prescrizione perchè gli investimenti necessari per sviluppare, testare e ottenere l’approvazione hanno uno scarso profitto. I produttori, inoltre, stanno subendo una crescente pressione politica da parte dei governi e dei consumatori per ridurre i prezzi. Le aziende del mondo healthcare che si focalizzano solo su questo business nei prossimi anni vedranno una piccola crescita e un calo degli utili sugli investimenti, ma i Brand che si occuperanno anche di farmaci da banco e servizi sanitari in senso più ampio potranno espandere la loro attività.

“Il futuro dei servizi sanitari è nei dati e nella tecnologia all’avanguardia, e lo stesso vale per le comunicazioni dell’healthcare marketing”, ha dichiarato Matt James, Global Brand President di Zenith. “La diffusione di dispositivi indossabili in grado di monitorare i segnali vitali non solo consente alle persone di conoscere il proprio stato di salute, ma permette di acquisire dati che possono poi essere utilizzati per creare terapie personalizzate. Nel futuro le aziende sanitarie di successo saranno quelle che verranno considerate dai consumatori come Brand di lifestyle”.

L’aspettativa di vita è in aumento in tutto il mondo e questo porterà ad una maggiore domanda di servizi e prodotti sanitari. L’aumento dei redditi in molti mercati in via di sviluppo, inoltre, ha permesso a più persone l’accesso a prodotti e servizi sanitari migliori. Gli investimenti a lungo termine dei marchi dell’healthcare nella Brand awareness realizzati oggi, ripagheranno quindi i Brand in futuro.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.