Lo smartphone: per gli italiani è un compagno fedele sempre a portata di mano

Il Centro Studi Media World ha indagato il rapporto che abbiamo con il cellulare intelligente, rivelando una vera e propria “addiction”: l’81% lo ha sostituito alla sveglia, il 44% torna a casa se lo ha dimenticato

di Rosa Guerrieri
03 giugno 2014
Il Centro Studi Media World ha indagato il rapporto che abbiamo con il cellulare intelligente, rivelando una vera e propria "addiction": l'81% lo ha sostituito alla sveglia, il 44% torna a casa se lo ha dimenticato

Qual è il rapporto tra gli italiani e lo smartphone? Come sono cambiate le nostre giornate “sempre connesse”? Il Centro Studi Media World ha provato a indagare la nostra liason con smartphone&co, mettendo in luce degli aspetti non poco curiosi.

Che gli italiani siano sempre stati affascinati dai telefonini è storia nota, ma forse in pochi immaginano che un terzo degli intervistati possiede due telefoni cellulari, mentre il 3% ne ha addirittura tre.

Per quanto riguarda le funzionalità più utilizzate, invece, oltre a chiamate e SMS, lo smartphone viene impiegato principalmente per connettersi ai social network. I comandi vocali vengono utilizzati dal 49% degli intervistati, e addirittura il 5% li utilizza assiduamente.

Dai risultati emerge anche che lo smartphone è, prima di tutto, un fedele compagno che ci segue per l’intero arco della giornata, da quando ci alziamo (l’81% lo ha sostituito alla tradizionale sveglia) a quando andiamo a dormire (il 56% tiene lo smartphone acceso anche durante la notte), e che è ormai qualcosa di cui non riusciamo a fare a meno: il 44% degli intervistati, infatti, torna a casa di corsa se si accorge di aver dimenticato lo smartphone, mentre un esiguo 2% si sente “liberato” dalla sua presenza.

Avere lo smartphone sempre a portata di mano è un’abitudine per molti: il 13% consulta lo smartphone in continuazione, mentre un terzo del campione controlla il cellulare solo quando squilla. Un device che ha letteralmente sostituito diversi oggetti di uso quotidiano, dalla fotocamera (il 25% utilizza solo i device mobili per scattare fotografie) all’orologio, abolito da un quarto degli intervistati.

Il 66% ha sempre il caricabatteria in borsa, proprio perché il 66% degli smartphone si scaricano in meno di un giorno. Rimane un aspetto “vintage” legato alla suoneria: il 20% infatti utilizza il classico drin drin del vecchio telefono.

Lo smartphone offre tante gioie, ma anche qualche piccolo inconveniente. Le situazioni sgradevoli più tipiche riguardano la durata della batteria, visto che il 50% degli utenti ha avuto problemi legati alla tenuta della carica dello smartphone, e la rottura dello schermo o del touch screen, segnalata dal 25% degli intervistati. Il 6%, invece, ha avuto problemi con gli spinotti. Anche furti e smarrimenti rappresentano un rischio effettivo, ma piuttosto contenuto: il 3% ha smarrito lo smartphone almeno una volta mentre il 4% ha subito almeno un furto.

Di seguito, un’infografica riassuntiva della ricerca.


RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.