Italia medaglia d’oro in Europa per passione sportiva: l’86% della popolazione consuma contenuti dedicati

A dirlo sono i dati contenuti nel “Know The Fan –Global Sports Media Consumption Report 2014″ promosso da Perform. Cresce la fruizione attraverso i media digitali e l’incremento dell’interazione tramite i social media

 

di Teresa Nappi
16 giugno 2014
Sport-Tablet

Perform, realtà attiva a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di contenuti sportivi digitali, ha presentato oggi i dati della ricerca annuale Know The FanGlobal Sports Media Consumption Report 2014, realizzata in collaborazione con Kantar Media Sport e SportsBusiness Group. Giunta alla sua quarta edizione, la ricerca analizza le modalità di fruizione dello sport da parte degli appassionati sportivi di 16 paesi (Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania, Gran Bretagna, India, Indonesia, Italia, Giappone, Russia, Sud Africa, Spagna, Turchia, Emirati Arabi, Stati Uniti).

Per quanto riguarda l’Italia, il Belpaese rappresenta il primo tra i paesi europei a informarsi di sport – l’86% degli italiani segue in maniera attiva lo sport, contro il 73% degli inglesi e il 65% dei francesi -. In Italia i 44 milioni di persone che si dichiarano interessate allo sport seguono principalmente cinque discipline: calcio (56% con un calo rispetto al 2011 di 5 punti percentuali), Formula 1 (37%), Moto GP (34%), seguiti da nuoto (25%) e atletica e tennis (24%).

Gli italiani sono secondi solo agli spagnoli in Europa per quanto riguarda il tempo dedicato a guardare o informarsi di sport: 9,8 ore a settimana, pari a quasi 90 minuti al giorno. Negli altri paesi europei, il tempo dedicato al consumo di contenuti sportivi va dalle 7,5 ore settimanali della Gran Bretagna, alle 5,8 e 5 ore rispettivamente di Germania e Francia.

E’ interessante notare che il forte incremento del tempo dedicato dagli italiani a consumare sport (+48,5% in 4 anni) è da ricondursi principalmente alla grande penetrazione del mobile sul nostro mercato: uno strumento che ha rivoluzionato le modalità di accesso e di disponibilità dei contenuti sportivi. Sebbene la tv si confermi singolarmente il mezzo più utilizzato (2,5 ore a settimana), le restanti 7,3 ore sono spese su tutti gli altri mezzi: giornali, computer, laptop, smarphone e tablet, spesso anche in contemporanea.

Sono 30 milioni gli italiani che si informano di sport attraverso il web, un incremento dell’11% in 4 anni.

Sono invece 22 milioni gli italiani che seguono lo sport via mobile. Questo dato è particolarmente rilevante, perché in un solo anno si è registrato un incremento importante, di oltre 7 milioni di fan che dichiarano di utilizzare il mobile come mezzo di accesso ai contenuti sportivi.

Ma quali sono le notizie e gli eventi che si consumano attraverso smartphone, laptop e tablet? Una grande parte del pubblico guarda i video live streaming e gli highlights delle partite, mentre il restante legge articoli sportivi, commenta sui social, consulta dati e statistiche.

Le app spopolano tra gli appassionati di sport. Il 53% di chi si informa via mobile le preferisce rispetto alla classica navigazione online, perché offrono modalità di accesso più friendly e immediata e sono costruite per una fruizione più “veloce” e in mobilità.

Anche i social network sono sempre più utilizzati: 17 milioni si informano di sport attraverso questo mezzo, con un incremento di quasi 5 milioni rispetto al 2011. Si tratta di un pubblico giovane (il 46% ha tra i 18 e i 34 anni), che segue principalmente gli account delle loro squadre e i giocatori preferiti, guardano highlights, cercano e condividono foto, commentano i risultati e i colpi di calcio mercato con i loro amici, dedicando a queste attività circa 20 minuti al giorno. Per quanto riguarda la tipologia di social network maggiormente utilizzata, Facebook la fa da padrone (68%), YouTube si posiziona al secondo posto (56%), seguono Google + (22%), Twitter (20%) e Instagram (10%).

Tutti questi mezzi non solo sostituiscono, ma spesso si affiancano alla fruizione televisiva, dando luogo all’esperienza del second screen: 4 italiani su 10 dichiarano che mentre guardano sport in tv utilizzano gli altri device per aggiornarsi sui risultati delle avversarie in tempo reale (46%), guardare brevi videoclip di eventi in contemporanea (29%), commentare sui social (20%), scommettere (12%) e così via.

«Il Report è uno strumento fondamentale per dimostrare come gli appassionati di sport seguano in maniera sempre più attiva e innovativa le discipline sportive di cui sono appassionati – ha spiegato Andrea Cerasoli, country manager Italia di Perform Group -. Sebbene la tv continui a essere il mezzo più utilizzato, è sempre più diffuso l’uso di mezzi più interattivi, computer, laptop, smartphone o tablet, dove i fan possono interagire commentando gli eventi sui social media, fruirne fuori casa e informarsi in tempo reale in qualsiasi situazione».

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.