Istituti bancari: i protagonisti sui social network sono Monte dei Paschi di Siena e UniCredit

Blogmeter ha analizzato le conversazioni spontanee degli italiani e la capacità dei brand Finance di coinvolgerli via Fb e Twitter. Tra i prodotti più discussi vincono i conti corrente, principalmente quelli di CheBanca, Fineco, Hello Bank e ING Direct

di Rosa Guerrieri
21 luglio 2014
blogmeter banking

Come si muovono i brand di istituti bancari sui social network? E quali sono le best practice del settore sulle piattaforme social italiane? Blogmeter ha provato a dare una risposta analizzando le conversazioni spontanee degli italiani e la capacità dei brand Finance di coinvolgerli attraverso Facebook e Twitter.

Nel periodo marzo-maggio 2014 i 32 istituti di credito monitorati hanno ottenuto complessivamente più di 227.000 citazioni. Il Gruppo Monte dei Paschi di Siena e il Gruppo UniCredit sono nettamente i più chiacchierati, mentre i principali temi di discussione hanno riguardato i buchi di bilancio, i piani aziendali per il risanamento dei conti ed il management.

Tra i prodotti più discussi, invece, in primis ci sono i conti corrente, principalmente quelli di CheBanca, Fineco, Hello Bank e ING Direct, seguiti da prestiti e mutui.

Sebbene gli istituti tradizionali siano stati quelli più al centro del buzz, la percezione delle banche online risulta migliore. Tra le più criticate spiccano Banca Carige e MPS a causa delle vicende giudiziarie, mentre le più apprezzate sono risultate essere Carispezia e Friuladria, anche grazie alle iniziative promosse sul territorio. Tra le banche online spicca per sentiment positivo Hello Bank, di cui piace il conto corrente anche perché con l’attivazione viene regalato un buono spesa su Amazon.

Su Facebook, Unicredit è la pagina che ha accumulato più likers, ma quelle che riescono a coinvolgere maggiormente i propri sostenitori sono BCCforWeb e Mediolanum, soprattutto con post “leggeri”, che esulano dal tema finanziario. UniCredit Italia è invece la pagina più seguita per numero di fan ed è tra quelle che pubblicano più contenuti. Tra questi risultano di grande impatto la ricerca di neolaureati per stage in UniCredit e le fotografie vincitrici del concorso PinTower. Per quanto riguarda gli utenti, più di due terzi degli autori che hanno interagito con le pagine Facebook del settore sono uomini: la banca con cui interagiscono di più in assoluto è Fineco, soprattutto con post riguardanti il trading e domande tecniche. Le donne invece interagiscono maggiormente con le pagine che pubblicano contenuti più leggeri o votati all’intrattenimento e concorsi, come per esempio IBL Banca.

Su Twitter invece è Fineco a primeggiare per numero di follower, mentre leader di interazioni è, di gran lunga, Banca Etica. Quest’ultima è riuscita a coinvolgere gli utenti anche grazie ai festeggiamenti per i suoi 15 anni di attività e alla partecipazione a varie iniziative locali e internazionali. Tra le altre iniziative che hanno attirato l’attenzione di chi twitta, c’è anche il concorso #Appathon promosso da UniCredit per premiare la migliore idea di app per il Mobile Banking e gli Internazionali di tennis sponsorizzati da BNL.

L’attività di social caring che dovrebbe essere fondamentale per gli istituti di credito presenta luci ed ombre. Su Facebook la pagina più veloce nelle risposte è Superflash, ma quelle che riescono a soddisfare più richieste sono ING Direct e Intesa San Paolo. Su Twitter la situazione è ancora molto indietro.

Di seguito un’infografica riassuntiva della ricerca.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.