Gli italiani? Sono sempre più degli “Onnivori digitali”

Multimediali in ogni luogo e momento, gli abitanti del Belpaese scelgono internet come prima fonte di intrattenimento, e nel 44% del casi possiedono smartphone, tablet e laptop. A dirlo è la ricerca “State of Media Democracy” di Deloitte

di Alessandra La Rosa
11 agosto 2014
Mobile-Internet-Audiens-DigiTouch-3Italia

Multimedialità sempre e dovunque e internet come prima fonte di intrattenimento: due tendenze che rendono gli italiani dei veri e propri “Onnivori digitali”.

E’ il quadro che emerge dalla ricerca “State of Media Democracy”, parte di un progetto del Global TMT Research Center di Deloitte. Lo studio, giunto a livello internazionale alla sua ottava edizione, nel nostro Paese è stato condotto per il secondo anno, con un’indagine svolta tra marzo e aprile 2014, che ha coinvolto 2127 consumatori di tutte le aree geografiche e gruppi di età.

Gli italiani, insomma, sono sempre più innamorati di dispositivi e contenuti digitali. Come prima fonte di intrattenimento c’è internet, scelta per interessi personali o sociali dal 77% degli intervistati, seguita dalla tv (considerata nella sua fruizione su qualsiasi dispositivo) con il 47%, poi la lettura di libri (34%), l’ascolto della musica (30%), la lettura di quotidiani (25%) e il cinema (21%).

Quanto al possesso di device mobili, ben l’85% del campione intervistato ormai dichiara di avere uno smartphone, mentre il 77% ha un pc portatile. Il tablet, al 58%, resta ancora leggermente indietro, ma la sua penetrazione è comunque in crescita di un buon 20% rispetto al dato rilevato dalla ricerca lo scorso anno. E c’è anche chi li possiede tutti e tre: il 44% del campione.

Questi “onnivori digitali” sono in crescita, +13% rispetto allo scorso anno, e sono abbastanza equamente distribuiti in termini di genere: il 46% sono infatti donne. Quanto all’età, si tratta di una tipologia di fruitore mediatico che copre bene o male tutte le età: dai maturi (67 e più anni), tra i quali uno su quattro possiede tablet, laptop e smartphone, fino ai “millenials” (dai 14 ai 24 anni), che rappresentano il 52% di appartenenti alla categoria. Così come nel 2013, comunque, il picco si raggiunge nella generazione X, quella dai 31 ai 47 anni.

Di seguito, un’infografica riassuntiva dello studio.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.