Gli italiani in lockdown tra nuove abitudini di acquisto e desideri rinviati

Secondo Gfk, i consumatori, sempre più preoccupati, stanno cambiando le strategie per fare la spesa mentre esprimono giudizi freddi sui marchi

di Cosimo Vestito
20 marzo 2020

Il monitoraggio settimanale GfK sugli effetti di COVID-19 registra i primi effetti dell’isolameto sulle abitudini e i consumi degli italiani. Cresce ovunque il livello di preoccupazione e gli acquisti si concentrano sui beni di prima necessità. Cambiano le strategie per fare la spesa e rimane freddo il giudizio sui marchi.

A febbraio la società di ricerca ha attivato un tracking settimanale (leggi la rilevazione della settimana scorsa) per misurare gli effetti del coronavirus sugli stili di vita, le abitudini e le strategie di consumo degli italiani. I risultati riferiti alla prima settimana del lockdown mettono in evidenza un consumatore in costante e rapida evoluzione:

  • Ancora in crescita le preoccupazioni degli italiani, sia quelle connesse alla diffusione del coronavirus (+11%) sia quelle per la situazione economica attuale e futura. Aumenta anche la paura di non trovare nei negozi i prodotti di cui si ha bisogno (specialmente al Sud).
  • I consumi si concentrano sempre di più sui beni essenziali. In questi giorni i consumi non rappresentano un’evasione dalle difficoltà quotidiane e cala la voglia di fare acquisti, anche online. Gli italiani mettono nel carrello soprattutto prodotti di prima necessità (pane, latte, farina, zucchero…), prodotti per l’igiene personale, disinfettanti, acqua e surgelati; tra le categorie che resistono ci sono i libri, che tornano ad essere un bene “necessario” per un numero crescente di persone.
  • Nuove strategie per fare la spesa: le rilevazioni degli acquisti monitorate dal Consumer Panel GfK mostrano un’evoluzione molto rapida del modo in cui gli italiani fanno la spesa. Dopo la prima settimana di acquisti “compulsivi” ma poco organizzati e una seconda caratterizzata da un incremento della frequenza degli acquisti, durante la prima settimana di lockdown gli italiani sembrano aver elaborato nuove strategie. L’importo medio della spesa cresce del +26% e si fanno acquisti più attenti, per evitare di dover tornare spesso in negozio. Si annullano le differenze tra giorni infrasettimanali e sabato (solitamente il più importante per la spesa) a cresce ancora la penetrazione del canale online (+16%).
  • Verso un nuovo consumatore “post-traumatico”: l’isolamento forzato in casa sta cambiando sicuramente anche il modo in cui gli italiani si rapportano con i brand. Rispetto alla settimana scorsa, GfK registra un giudizio maggiormente positivo sulla distribuzione, mentre le aziende sono sempre viste come poco attive, poco vicine. Mai come oggi i consumatori chiedono ai Brand una maggiore capacità di entrare in sintonia con il sentiment del momento. Rimane da capire cosa cambierà quando tutto questo sarà finito: le aziende avranno a che fare con un consumatore “post-traumatico”, con nuove abitudini di consumo, nuove paure, nuovi stili di vita e desideri inespressi che verranno a galla alla fine della quarantena.

GfK_Infografica_COVID19_20032020

Per condividere con la Business Community gli ultimi aggiornamenti dai tracking sugli effetti del coronavirus su mercati e consumatori, GfK organizza il prossimo 26 marzo una web conference gratuita.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial