Digital transformation dell’industria Retail: Wavemaker punta sull’approccio “consulenziale”

Sulla base dei risultati della ricerca Momentum sul percorso d’acquisto dei consumatori, l’agenzia ha messo a punto una roadmap di trasformazione digitale per orientare i brand verso la multicanalità

di Alessandra La Rosa
23 ottobre 2018
wavemaker-retailer
Un momento della presentazione

Tra nuove modalità di fruizione media e un’evoluzione sempre più dinamica del comportamento degli utenti, il mondo retail sta vivendo un vero e proprio cambiamento epocale. Cambiamento a cui spesso le aziende non sono preparate come dovrebbero.

Per aiutare brand e retailer a muoversi in questo nuovo scenario, fatto di connettività pervasiva, accessibilità a tutti ed ovunque e una capacità di calcolo enormemente superiore al passato e “pret a porter” (mobile), Wavemaker, agenzia che si posiziona alla confluenza tra Media, Content & Technology, ha messo a punto una proposizione consulenziale che si fonda da un lato su una ricerca volta a delineare i comportamenti dei consumatori nei percorsi d’acquisto del retail, dall’altro su una roadmap di digital transformation costruita per orientare i retailer nel percorso di evoluzione verso una vera e propria multicanalità. Il tema è stato al centro di un incontro con la stampa il 23 ottobre.

«Oggi i punti vendita si stanno trasformando in veri e propri media, in cui si vivono esperienze personalizzate, costruite sulla base dei dati e in cui la tecnologia è il fattore abilitante. Diventa fondamentale in questo contesto da un lato conoscere i percorsi dei consumatori, e dall’altro capire come muoversi nel percorso verso la multicanalità. Per questo abbiamo individuato i 6 fattori evolutivi che stanno trasformando il mondo del Retail, definito con la ricerca Momentum come i consumatori prendono le loro decisioni durante il purchase journey e messo a punto una roadmap di digital transformation che prevede un modello di approccio diverso a seconda della maturità digitale del cliente», ha dichiarato Francesco Riccadonna, General Manager Wavemaker, in occasione dell’evento.

L’approccio di Wavemaker è basato sulla centralità del purchase journey ed ha in Momentum il suo strumento di analisi proprietario, che definisce come si dipana il percorso del consumatore partendo dalle fasi di contatto iniziale con consumatore (Priming Stage), passando per la fase in cui sorge lo stimolo verso la marca (Trigger), per arrivare alla fase in cui le persone compiono delle azioni per finalizzare il proprio percorso di scelta (Active Stage) e di acquisto vero e proprio (Purchase).

wavemaker-retailer

«Per portare in vita nel concreto questo approccio nel mondo retail in Italia, abbiamo mappato tre differenti categorie merceologiche retail (Grocery, Home Furniture, Apparel) attraverso la realizzazione di 3 studi in cui Wavemaker ha indagato 24 marche, 35 territori, identificando 25 trigger, 30 azioni e 30 touch point – ha aggiunto Julian Prat, Chief Strategy Officer Wavemaker -. In generale osserviamo l’abitudine delle aziende a concentrarsi sulla conversione e dunque a dedicare più risorse a questa fase del processo. In realtà lo studio ci ha consentito di comprendere che esiste una forte correlazione tra le due principali fasi del purchase journey, priming e active stage, e che sono le marche che lavorano meglio su entrambi gli stage quelle che hanno la maggiore capacità di conversione in vendite».

«Nello studio abbiamo approfondito il ruolo che il digitale assume nelle varie fasi del percorso di acquisto e nelle diverse categorie considerate – ha proseguito Prat -: in priming stage i touch point digitali che entrano in gioco rappresentano circa il 50%, mentre, comprensibilmente, quando si entra nella fase decisionale del processo di acquisto, la rilevanza dei digital touch points aumenta, arrivando  al 70% in modo abbastanza trasversale rispetto alle sottocategorie considerate nello studio. Ecco perché è importante saper orchestrare i touch point in logica di omnicanalità, tenendo conto della fase del percorso di acquisto, delle peculiarità delle singole categorie e, ultimo ma non ultimo, del livello di maturità della propria digital strategy, che possiamo aiutare i nostri clienti a valutare».

wavemaker-retailer

Il 2019 sarà un anno di transizione verso un nuovo decennio in cui l’ecommerce supererà il 10%/15% del fatturato dei retailer; in questo nuovo scenario emergeranno nuovi punti di contatto guidati da voce, immagini e realtà aumentata che animeranno il percorso di acquisto delle persone e lo renderanno sempre più immersivo e personalizzato.

«Per arrivare preparati, il 2019 sarà un anno dedicato al Precision Marketing: la nuova disciplina che permette alle aziende di personalizzare il contatto con i propri utenti e clienti per mezzo di targeting molto preciso, basato sui dati e con una offerta di contenuti differenziata – ha dichiarato Marco Magnaghi, Chief Digital Officer – che sempre in logica omnicanale si è soffermato sugli strumenti necessari per cogliere le opportunità sottese alle sfide che verranno. Wavemaker ha già avviato un percorso di affiancamento di alcuni suoi grandi clienti per supportarli nella Digital Transformation in ambito marketing e media».

wavemaker-retailer

«Il modello di Digital Transformation di Wavemaker  – ha continuato il manager – ha l’obiettivo di definire le priorità, secondo la maturità digitale del cliente, in termini di investimenti, ottimizzazione delle prestazioni dei siti e app, data strategy, evoluzione dei contenuti in logica “nativamente digitale”, modelli di integrazione aziendale, per offrire una esperienza realmente personalizzata».

wavemaker-retailer

«Ogni retailer e qualsiasi brand può e deve attrezzarsi per affrontare un cambiamento che pare inarrestabile, anche sull’esempio di mercati più evoluti dove il percorso di trasformazione è in uno stadio molto più avanzato rispetto all’Italia» ha concluso Luca Vergani, Ceo Wavemaker, ricordando la disruption che stanno vivendo i retailer, la crescita a doppia cifra dei ricavi eCommerce, il ruolo della tecnologia non solo come driver di cambiamento ma anche come portatore di soluzioni. «Capire il purchase journey è elemento centrale di ogni strategia, per definire i touch point corretti e le soluzioni media più adeguate», ha aggiunto, ricordando che i dati sono il vero valore dei retailer ma che si devono fare ancora molti passi avanti nella direzione di una loro gestione integrata, essenziale per poter liberare la strada verso la vera e propria multicanalità.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.