Coronavirus: come stanno cambiando le nostre abitudini. La ricerca di Havas Media

Per quanto riguarda i media, cresce la fruizione della tv lineare, della tv on demand, della radio e della stampa, con modalità diverse rispetto a prima

di Caterina Varpi
23 marzo 2020
news-audiweb

Da quando il Covid-19 ha iniziato a diffondersi nel nostro Paese, gli italiani hanno cambiato le loro abitudini come consumatori, al lavoro, nella fruizione dei media e nel rapporto con le altre persone. Lo evidenzia una nuova ricerca di Havas Media, che segue a quella dedicata all’impatto dell’epidemia sulla fruizione dei media (ne abbiamo parlato qui).

Lo studio si basa su una ricerca condotta su 800 casi dai 18 anni in su rappresentativi della popolazione italiana ed è stato effettuato nel periodo 13-16 marzo 2020, il primo week-end in cui tutta l’Italia è stata considerata zona rossa dal governo, e in cui tutti i cittadini hanno necessariamente dovuto limitare le uscite fuori casa.

Dall’inizio dell’emergenza l’85,6% degli intervistati ha dichiarato di avere cambiato le proprie abitudini. In particolare, è interessante notare come il modo di relazionarsi con le altre persone risulti essere uno degli impatti maggiori sui comportamenti, prima ancora che la gestione del tempo libero.

Nell’ambito professionale, il 42% del campione ha affermato che la nuova modalità di lavoro è diventata lo smart working: si aprono così le occasioni per dedicarsi a lavori domestici in precedenza trascurati, si dedica più tempo ai famigliari e alla cucina. Attività che aprono, se non a tutti almeno a diversi brand, la possibilità di interagire col proprio consumatore in maniera differente, creando delle vere e proprie Media Experience at home.

Dal punto di vista della dieta mediatica, se la tv sta vivendo degli ascolti straordinari, la tv on demand rappresenta un’alternativa più ludica/entertainment alla programmazione lineare: il 46% degli intervistati ha aumentato la visione di serie tv/film on demand dall’inizio della quarantena. Oltre che ai player consolidati come Prime Video e Netflix, questa spinta può andare a beneficio anche del nuovo entrante Disney+.

Il 25% del campione dichiara inoltre di aver aumentato la durata dell’ascolto della radio, che si distribuisce durante l’intera giornata con una diversa modalità di fruizione: non più il drive time, con i picchi di audience nelle fasce orarie in cui si va o si torna dal lavoro, ma una presenza costante durante tutto il giorno, preferibilmente attraverso lo streaming digitale. Ciò che è interessante, secondo Havas, è che sembrano essere aumentati gli ascoltatori che interagiscono attivamente con le trasmissioni. Anche qui, dunque, nuove opportunità per i brand di coinvolgere le persone ad interagire con i propri contenuti.

Emerge anche un punto interessante sulla stampa: per il 33% aumenterà la propensione all’acquisto di magazine, abbonamenti e libri online. La situazione contingente infatti fa sì che meno persone si rechino in edicola ad acquistare quotidiani e riviste, ma come conseguenza aumenta molto l’interesse verso le copie digitali, in particolare dei quotidiani. E questo, in prospettiva, potrebbe dare una bella spinta a un settore da anni in sofferenza, secondo Havas. Le principali testate stampa infatti  stanno intercettando questa tendenza proponendo offerte promozionali particolarmente aggressive, in grado di attrarre nuovi utenti.

Gli intervistati, infine, dichiarano che il tempo speso per ricerche su prodotti e servizi di proprio interesse, aumenterà del 44,6%. La ricerca di informazioni sulle diverse categorie aumenta proporzionalmente con l’interesse all’acquisto online: nuove opportunità di crescita soprattutto per generi alimentari, farmaci, libri e stampa.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial