L’utente digitale 2018 sta online più di 2 ore al giorno, sempre più alla ricerca di intrattenimento

Il 71% del tempo speso complessivo è trascorso su device mobili e di questo il 62% sulle App. I dati di Comscore

di Caterina Varpi
20 dicembre 2018
Mobile-Video

Nel 2018 cresce la fruizione di Internet in Italia trainata dai device mobili mentre la categoria di contenuti più visitati è quella dell’intrattenimento. Lo rivela Comscore, che fotografa i cambiamenti nella fruizione di Internet da parte degli italiani nell’anno che si sta chiudendo e li confronta con quelli registrarti negli altri Paesi digitalmente più evoluti.

Cresce la fruizione di Internet in Italia

Sono 39,3 milioni gli italiani che a ottobre 2018 accedono ad Internet almeno una volta al mese; la penetrazione dell’utilizzo di internet della sola popolazione maggiorenne è pari al 70%; tale livello registra un aumento del +5% (ottobre 2018 su ottobre 2017) ma evidenzia un potenziale di crescita ancora rilevante se confrontato con quello dei Paesi digitalmente evoluti (Stati Uniti 86%; UK 84%; Francia 82%). Il differenziale è interamente riconducibile alle generazioni più adulte (un italiano su tre oltre i 35 anni non accede a Internet) mentre i giovani mostrano un livello di utilizzo costantemente superiore al 90% allineato a quello dei Paesi più avanzati.

utente-digital-18-comscore-1

La crescita nella fruizione di internet continua ad essere trainata dai device mobili: sono 31,5 milioni gli italiani che si connettono ad Internet da dispositivi mobili e, di questi, sono ben 12,6 milioni (pari al 32% del totale) coloro che lo fanno esclusivamente attraverso uno smartphone o un tablet. I paesi digitalmente più sviluppati continuano a mostrare tassi di accesso in modalità multi-piattaforma (ovvero sia tramite Desktop che tramite device Mobile) più alti rispetto all’Italia dove tale valore si attesta al 48% a fronte, ad esempio, del 68% registrato in Germania e del 67% negli Stati Uniti. Considerato che l’ingaggio degli utenti su alcune categorie di contenuti particolarmente evoluti come il Finance o molto interessanti per gli investitori come l’Automotive continua ad avvenire prevalentemente tramite desktop, l’audience che naviga in modalità multi-piattaforma è tendenzialmente quella più pregiata e avanzata.

I giovani passano più tempo in rete rispetto agli adulti

Nel 2018 gli italiani maggiorenni hanno trascorso sulla rete in media circa 72 ore ciascuno, con differenze significative tra i segmenti demografici. Mentre infatti i giovani nella fascia d’età 18-24 arrivano a 90 ore/mese, oltre i 35 anni il tempo speso si riduce a 67 ore mese. Le donne maggiorenni, inoltre, con 78 ore medie mese sono connesse più a lungo degli uomini maggiorenni (66 ore mese).

Il 71% del tempo speso complessivo è trascorso su device mobili e di questo il 62% sulle App. L’ecosistema delle App è completamente dominato dagli operatori stranieri che monopolizzano la classifica delle prime 15 App per numero di utilizzatori nel mese di ottobre.

utente-digital-18-comscore-2

Crescono i contenuti di intrattenimento

La categoria di contenuti più visitati e con la più alta crescita in termini di tempo speso è quella dell’intrattenimento; 443 milioni di ore mese a settembre 2018 pari a 12 ore medie per utente in aumento del 29% rispetto all’anno precedente; valori ormai allineati a quelli registrati dai social network.

Soprattutto i giovani (18-24) trascorrono il 31% del loro tempo in rete fruendo di contenuti di intrattenimento, nelle fasce d’età mediane (25-34) social e intrattenimento si equivalgono mentre i segmenti più adulti vedono ancora una prevalenza del tempo speso sui social rispetto all’intrattenimento (13 ore medie mese contro 9,7).

Anche il genere è una variabile importante nel determinare la tipologia dei contenuti fruiti: mentre gli uomini maggiorenni spendono più tempo sui contenuti di intrattenimento rispetto ai social (a settembre 13,2 ore medie mese contro 9,7), per le donne maggiorenni vale il contrario con i social (15,6 ore medie mese a prevalere sull’intrattenimento 11,5 ore mese).

Tale mutamento di abitudini è confermato dal ranking delle prime 10 entità per tempo speso dove insieme ai social compaiono siti di fruizione di video on line e siti di giochi.

utente-digital-18-comscore-3

“Assistiamo ad una discontinuità nella fruizione della Rete caratterizzata dall’aumento esponenziale del consumo dei contenuti di intrattenimento – afferma Fabrizio Angelini, Ceo di Sensemakers che rappresenta in esclusiva Comscore in Italia. – Tale fenomeno è particolarmente evidente nei giovani e segnala un cambiamento radicale nel sistema complessivo di consumo dei mezzi con significativi impatti economici e sociali nel settore dei Media”.

Angelini-engage

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.