Assistenti vocali: quasi metà degli utenti li usa per effettuare ricerche online

Adottate sempre più spesso, le tecnologie basate sulla voce sono ormai parte del nostro quotidiano. Uno studio Adobe ci svela come e perché le utilizziamo

di Alessandra La Rosa
14 agosto 2019
assistenti-vocali-620x348.jpg

Sin dalla prima diffusione degli assistenti vocali, il mercato aveva pronosticato che questi dispositivi avrebbero rivoluzionato il modo degli utenti di fare ricerche online. Ed ora arriva una ricerca di Adobe a confermarlo.

Secondo lo studio, effettuato su un migliaio di americani, il 48% dei consumatori oggi utilizza la voce per “ricerche online di tipo generale”, sottolineando la crescente penetrazione della “voce” come interfaccia search.

La maggior parte di queste ricerche avviene su smartphone: è il caso dell’85% dei rispondenti, mentre un 39% dice di effettuarle via smart speaker (come Google Home o Amazon Echo).

L’utilizzo delle tecnologie vocali, in generale, risulta abbastanza frequente: il 44% degli intervistati infatti dice di utilizzarle in qualche forma ogni giorno. Questo perché si reputa migliorino la qualità della vita: per il 79% “le tecnologie vocali migliorano e contibuiscono alla qualità della vita”, e per il 92% “permettono di risparmiare tempo”.

D’altro canto, gli utenti ne lamentano alcuni difetti, inerenti soprattutto l’accuratezza e la comprensione delle richieste: secondo gli intervistati, infatti, i servizi vocali rispondono accuratamente a una domanda o a un comando solo il 69% delle volte. Al di là dell’accuratezza, segnalata come questione sensibile dall’83% delle persone coinvolte nello studio, l’81% ha citato come importante anche il tema della privacy.

Per cosa vengono utilizzati i dispositivi vocali?

La ricerca ha inoltre approfondito l’utilizzo che si fa più frequentemente di queste tecnologie. Al primo posto c’è avere indicazioni mentre si guida (52%), seguono effettuare una chiamata (51%), mandare un messaggio (50%), contollare il meteo (49%), riprodurre musica (49%), effuare ricerche generali online (48%), impostare la sveglia (41%), controllare le notizie (27%), mandare email (17%) e fare acquisti (16%).

Quanto al futuro di queste tecnologie, il 94% vorrebbe trovarle presto su più dispositivi, e il 44% vorrebbe un touch screen integrato nei dispositivi abilitati (come gli smart speaker). Il 37%, inoltre, vorrebbe che gli assistenti avessero una voce più “umana”.

RICEVI GRATUITAMENTE LA NOSTRA NEWSLETTER

Ti chiediamo il consenso per il trattamento dei dati personali diretto all’invio di newsletter editoriali, o altre informazioni di carattere informativo e promozionale riguardanti Engage e Società Partner, in conformità con la nostra Privacy Policy.

Acconsento
Non acconsento

Ricevi anche la newsletter di Programmatic-italia.com

Cliccando su Iscriviti, riceverai da Engage.it la nostra newsletter quotidiana e qualche mail promozionale ogni tanto. Potrai cambiare le tue impostazioni quando vuoi e non cederemo mai a terzi i tuoi dati.