• Programmatic
  • Engage conference

07/11/2018
di Rosa Guerrieri

Oracle lancia un nuovo strumento per inventory sicure, visibili e autentiche in pre-bid

La soluzione si chiama Pre-Bid by Moat, ed analizza le inventory prima che siano messe all'asta sulle piattaforme programmatiche

Oracle unisce le tecnologie ottenute da due recenti acquisizioni, quella del player specializzato in brand safety Grapeshot ad aprile e quella della società di misurazioni Moat lo scorso anno, in un nuovo prodotto. Si chiama Pre-Bid by Moat ed analizza le inventory prima che siano messe all'asta sulle piattaforme programmatiche, per verificare che siano brand safe, viewable e libere da frodi. La soluzione sarà disponibile all'interno del già esistente filtro di brand safety pre-bid di Grapeshot, e integrato con varie DSP come Adobe Advertising Cloud, Amobee, dataxu, MediaMath e The Trade Desk. Già a partire dall'acquisizione delle due società, le soluzioni di verifica e controllo di Grapeshot e Moat sono state messe a disposizione degli utilizzatori di Oracle Data Cloud. Ma, stando a quanto dichiara l'Head of Product Mark Kopera, si tratta della prima volta che l'analisi delle inventory da parte di Moat per traffico invalido e viewability è reso disponibile prima che gli spazi vengano messi all'asta. Precedentemente, il servizio era disponibile nel momento del caricamento della pagina per acquisti non in programmatic (nel caso bloccando l'erogazione dell'annuncio), o - nel caso di ambienti programmatici - dopo l'acquisto. Adesso, nel caso Moat o Grapeshot individuino dei problemi in pre-bid, l'asta non verrà condotta.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI