• Programmatic
  • Engage conference

18/11/2019
di Cosimo Vestito

OneTag lancia Fate, motore predittivo che accresce l'efficacia dei dati di prima parte

Grazie alla selezione automatizzata dell’audience, la soluzione permette di individuare i nuovi prospect, i “warm visitor” e i clienti “hot”, consentendo un retargeting data-driven selettivo e puntuale

OneTag-Fate-2.png

OneTag lancia Fate, il motore predittivo in tempo reale che accresce l’efficacia dei dati di prima parte combinandoli con i pattern anonimi di navigazione. Grazie alla selezione automatizzata dell’audience, la soluzione permette di individuare i nuovi prospect, i “warm visitor” e i clienti “hot”, quelli pronti a convertire, consentendo un retargeting data-driven selettivo e puntuale. La famiglia di nuovi algoritmi predice dunque la propensione degli utenti ad acquistare l’offerta di un marchio. Incluso nella piattaforma full stack della piattaforma programmatic cross-canale indipendente, Fate può essere attivato non solo su campagne automatizzate, ma anche su campagne Facebook, Instagram, Messenger e Google Search. Lo strumento agisce sia sulla parte basse sia alta del funnel e, potendosi basare anche sui clienti presenti nel CRM aziendale, intercetta i nuovi utenti ideali a cui far conoscere il brand. Inoltre, si legge nella nota, Fate può contare sulla validità dei dati di partenza, combinando CRM data, semantica e hyperlocal, e la capacità di migliorarsi nel tempo. La società tecnologica propone modelli predittivi personalizzati, tarati su singolo cliente od offerta, perché prendono in considerazione le caratteristiche tipiche di un brand e i dati di prima parte, anonimizzati e privati di qualsiasi informazione personale. Oggi la supply-side platform di OneTag è integrata con gli editori di oltre 70 Paesi (un numero in costante crescita) e la sua demand-side platform conferma la sua relazione con i principali exchange. L'offerta della società è anche interconnessa con Facebook e Google tramite API, per consentire ai brand di raggiungere l’utente ideale individuato dagli algoritmi, e di contattarlo nel contesto più indicato. ″Il nostro team di sviluppo analizza comportamenti e mercati anticipandone le tendenze, mettendo a punto funzionalità e oluzioni realmente utili al processo di allocazione consapevole del budget”, spiegano Gianmario Ricciarelli e Daniel Pirchio, co-fondatori di OneTag, “Un impegno abbinato a una internazionalizzazione nativa che ci permette di garantire alle aziende la copertura di tutti i mercati più importanti, ma anche di quelli più piccoli, mirati e di nicchia. L’integrazione con una moltitudine di publisher garantisce una più approfondita conoscenza degli utenti e aiuta in maniera significativa l’algoritmo predittivo a individuare quale consumatore comprerà un prodotto o un servizio tra quelli che non lo faranno: il futuro delle campagne pubblicitarie è sempre più legato alla capillarità dei dati e a capacità predittive sempre più sofisticate”.

scopri altri contenuti su

ARTICOLI CORRELATI